Etna Waterpolo, il presidente Di Salvatore coccola i suoi giovani: "Puntiamo molto sulla loro crescita"

Obiettivo raggiunto per l’Etna Waterpolo che, sabato scorso, nel match contro il CUS Palermo Karol, ha raggiunto la salvezza matematica con due giornate d’anticipo. Il terzo posto occupato nella classifica del Girone 4 di Serie B lascia, comunque, sperare anche in un piazzamento ai play off e definisce, dunque, un nuovo traguardo da raggiungere per i ragazzi di Manlio Mentesana.

Il presidente, Massimo Di Salvatore, si è dichiarato entusiasta del campionato fino ad ora condotto e della salvezza conquistata: “Abbiamo la squadra più giovane del campionato di Serie B, ma non abbiamo fretta di diventare grandi. Sono contento dei risultati raggiunti fino ad oggi, passo dopo passo…”.

La società svolge un ruolo importante soprattutto nell’educazione giovanile: “Siamo una formazione sociale dove può crescere la personalità del singolo. Lavoriamo molto con i giovani e puntiamo sul territorio, soprattutto della Sicilia orientale. In squadra giocano ragazzi provenienti da Catania, Messina e Augusta. In qualità di direttore della piscina “Francesco Scuderi”, sto provvedendo peraltro alla riqualificazione, collaborando a stretto contatto con la Nuoto Catania. Il mio interesse è garantire ai ragazzi una struttura accogliente e sicura, dove potersi allenare e crescere insieme”.

Domani sabato 12 maggio, in cui si disputerà la sedicesima giornata della stagione, l’Etna Waterpolo osserverà il turno di riposo. Riprenderà a gareggiare sabato 19 maggio, alle 15.00, in casa della Cosenza Nuoto. In proposito, il presidente Di Salvatore ha affermato: “Il Cosenza è un’ottima squadra, ha sempre avuto giocatori di livello elevato, quindi ci stiamo preparando bene. Siamo positivi: all’andata abbiamo vinto con 5 gol di vantaggio ma quella di ritorno sarà una gara tutt’altro che agevole”.

Infine sulla società, Di Salvatore ha chiosato con chiarezza: “Spirito societario? Vorremmo ancora più sostegno, siamo comunque una realtà in città…”.