Pallamano: Mascalucia impegnata a Benevento, Cardaci “Vinceremo ancora”

Reduce da un girone d’andata perfetto, con otto vittorie su otto partite e la conquista del primato in classifica, il Mascalucia si prepara ad affrontare il girone di ritorno della serie A2 di pallamano maschile. Sarà il Benevento Valentino Ferrara ad accogliere gli etnei, sabato 2 febbraio alle 18.30. Anche se la gara si giocherà ad Avellino a causa dell’inagibilità della struttura beneventana… ma questa è un’altra storia.
Per il Mascalucia, però, non sarà facile ripetere il girone d’andata. La voglia di lottare è la stessa, gli obiettivi pure, ma cambia l’assetto della squadra. A rompere le uova nel paniere la partenza di due giocatori importanti, Francesco Aragona (tesserato dal Gaeta) e Jacopo Torrisi (trasferitosi all’estero), leader del campo e dello spogliatoio e per anni militanti in A1. Insomma, due pietre miliari per il Mascalucia.

Ma mister Salvo Cardaci fa di necessità virtù: “Due assenze pesanti, ma che mi permettono di dare spazio ai giovani del nostro vivaio con gli inserimenti a tempo pieno di Lorenzo Mineo, Endi Xethani e Antonio Cristaudo dell’under 17. Diventano, d’altra parte, titolari Bruno Cristaudo, Marco Pappalardo e Alessio Cardullo dell’under 19, che facevano già parte della prima squadra”.

– Nuovo assetto e un girone intero da affrontare: cambiano gli obiettivi?

“Nessun cambio di obiettivi. Il girone di ritorno sarà più difficile di quello d’andata, ne siamo consapevoli. Affronteremo fuori casa le tre squadre più quotate, Teramo, Putignano e Benevento (squadra diversa dal Valentino Ferrara ndr), ma questo non ci abbatte, lotteremo per restare in serie A2. La squadra è compatta e motivata, i più giovani non vedono l’ora di mostrare in campo capacità, vigore e talento. C’è molta curiosità, sarà il campo a parlare” – afferma fiducioso Cardaci.

– Il primo banco di prova si avvicina: sabato contro Benevento Valentino Ferrara…

“Sono ottimista, è una squadra che sta lottando per non retrocedere. Mi auguro soltanto che i miei ragazzi non subiscano il contraccolpo psicologico della lunga pausa, ma in questo mese ci siamo allenati duramente per amalgamare i nuovi arrivati e mantenere alta la concentrazione. Siamo consapevoli di poter centrare ancora una vittoria” – sancisce determinato il mister.