S. Agata epilogo inatteso, mons. Scionti: “Delinquenti, siete isolati…”

Nessuno avrebbe mai pensato a un epilogo del genere. Un epilogo davvero increscioso per l’edizione 2019 della festa di Sant’Agata: per problemi legati alla sicurezza, la salita di San Giuliano e il canto delle suore Clarissiane sono stati annullati, così come il rientro da via Garibaldi. Troppi fedeli dentro ai cordoni. Il rientro è avvenuto da via Etnea, non senza qualche tumulto e protesta, col fercolo trainato a spalla dai fedeli. I cordoni staccati dal fercolo invece, sono stati riportati a Casa Vara seguendo il tradizionale tracciato….Il maestro del fercolo, Claudio Consoli che per ben tre volte aveva parlato con i fedeli (con lui anche alcuni rappresentanti delle forze dell’ordine) chiedendo loro di alleggerire il cordone (pare ci fossero anche bambini…); inascoltato, non ha potuto far altro che seguire le norme di sicurezza e ripiegare la processione da via di San Giuliano (Quattro Canti) verso piazza Duomo, attraverso via Etnea. Nessuno ha però ascoltato le parole del capo vara: “E’ una vergogna, quello che è accaduto….”, ha poi commentato Consoli. Duro il parroco della Cattedrale monsignor Barbaro Scionti: “Cari delinquenti, perchè di questo si tratta, siete soli ed isolati…“. Lo stesso Scionti ha elogiato il lavoro delle forze dell’ordine.