Pallanuoto A1 maschile, la Nuoto Catania torna a vincere contro la Lazio

Alla Piscina Francesco Scuderi, la Nuoto Catania pone fine alla serie di cinque sconfitte consecutive nella 19^ giornata di campionato di pallanuoto maschile di serie A1. Batte la S.S. Lazio con il punteggio di 8-7, davanti ad un pubblico numeroso ed esultante.

Un match a dir poco avvincente, scandito da falli ed espulsioni temporanee per entrambe le squadre, la cui determinazione è palpabile sin dai primi minuti di gioco. Partono subito bene i rossazzurri. Poco dopo il fischio d’inizio, Privitera segna infatti l’1-0, seguito dal gol su rigore di Cuccovillo, ottenuto su fallo del laziale Antonucci. É sempre Privitera a segnare il gol del 3-0, con la S.S. Lazio che tenta di reagire alla fine del primo tempo segnando un gol. Si conclude 3-1 per la Nuoto Catania.

I laziali non demordono, e nel secondo tempo fanno di tutto per recuperare. Parte all’attacco Narciso, che segnando due gol consecutivi pareggia momentaneamente la partita. La strategia si fa vincente quando, nonostante le espulsioni temporanee di Ferrante e Vitale, i laziali mettono in difficoltà la difesa della Nuoto Catania e si portano in vantaggio, concludendo il tempo con il punteggio di 3-0.

La chiave di volta del match è il rossazzurro Privitera, che nel corso del terzo tempo sembra inarrestabile. Segna il gol del 4-4, e la Nuoto Catania riparte consapevole forse della possibilità di tornare a vincere dopo tante delusioni. Ma quando sembra che sarà proprio Kacar a riportarla in vantaggio, quest’ultimo sbaglia il rigore. Passa qualche minuto, e Privitera conferma ancora una volta la sua ottima prestazione, segnando il gol del 5-4 e concludendo così il terzo tempo.

Sono i rossazzurri Privitera, Presciutti e Scebba a fare la differenza nell’ultimo tempo e a consolidare il vantaggio, nonostante la rincorsa della S.S. Lazio che tenta il tutto per tutto per pareggiare la partita. Gli ultimi minuti si fanno roventi: i laziali recuperano e si portano ad un solo punto di svantaggio, e a dieci secondi dal fischio finale tirano in porta, prendendo però una traversa. Non saranno riusciti a pareggiare la partita, ma avranno sicuramente intimorito i rossazzurri pareggiando l’ultimo tempo che si è concluso 3-3.