Pallamano: Darwin Tech Mascalucia batte Putignano e accede alla Final-Eight

Il sogno è diventato realtà per la Darwin Tech Mascalucia, che nel 7° turno di ritorno della serie A2 maschile di pallamano batte in trasferta il Putignano per 21-19 e accede matematicamente alla Final-Eight di Cassano Magnago, per la promozione in serie A1. Mantiene inoltre il primato in classifica a 27 punti, seguita da Benevento che ha vinto in casa del Teramo. A due giornate dalla fine del campionato, la formazione di mister Cardaci non poteva chiedere di più, dato che ad inizio stagione l’obiettivo era solo quello di mantenere la categoria appena raggiunta.

Una partita vissuta col fiato sospeso, in cui i mascaluciesi hanno dato il massimo con grande determinazione ed orgoglio, contro un’avversaria come il Putignano che ha ripetutamente tentato di ostacolare la capolista per vincere in casa. Nel primo tempo sono stati decisivi Celano, Lo Bello e il portiere Vasquez, che ancora una volta si è reso protagonista con le sue parate. Al 30° minuto, il punteggio è di 12-8 per il Mascalucia.

Nella ripresa i padroni di casa, trascinati da capitan Santoro e Lo Savio, recuperano e cercano di fermare la scalata della Darwin Tech. A cinque minuti dalla fine riescono a portarsi sul 18 pari, ma la concentrazione è alta tra i ragazzi del presidente Sergio Pagano, che hanno ancora degli assi nella manica. Sono le reti di Giuffrida, Consoli e Costanzo a decidere le sorti del match, che si conclude 21-19 per il Mascalucia. Tra i migliori in campo, Giuffrida con 8 reti e Dario Consoli con 6 reti.

I mascaluciesi avranno immaginato e sognato questa vittoria contro il Putignano tante volte, ma ora che la Final-Eight è certa si pensa al prossimo impegno in calendario sabato 6 aprile, al PalaWagner, dove la Darwin Tech giocherà contro Alcamo. Dopo ci sarà tempo per preparare al meglio le finali promozione in programma dal primo a 5 maggio a Cassano Magnago in Lombardia, il patron Dario Zappalà si è già complimentato con i dirigenti,  i tecnici e la squadra, il sogno insomma può continuare.