Catania-Potenza alle porte, Lo Monaco rompe il silenzio stampa e s’avventa contro Caiata: “Basta con il vittimismo”

E’ già vigilia di Catania-Potenza. Domani, alle 20.30, i rossazzurri ospiteranno i lucani al Massimino per il ritorno del primo turno dei play-off nazionali di Serie C ed anche questa volta un pareggio sarà sufficiente per approdare alla fase successiva. Quasi 8.000 i tagliandi venduti fino ad ora.
La gara di andata (terminata 1-1) lascia qualche dubbio, soprattutto dopo i due tempi giocati in maniera diametralmente opposta: il primo attaccando, il secondo difendendo. Problema di modulo o di atteggiamento? Forse entrambi. A Sottil spetterà la soluzione e soltanto domani sera potremo constatare se sarà efficace. Il tecnico dovrebbe comunque confermare la formazione titolare dell’andata. In ballottaggio Baraye e Marchese per la difesa: quest’ultimo potrebbe rifiatare con l’ingresso del senegalese in campo, che già al Viviani ha fatto bene nonostante il lungo stop. In ballottaggio anche Sarno e Lodi: l’ex Foggia, colpito a Potenza da un affaticamento muscolare, sembra aver già recuperato, ma ove non dovesse farcela entro domani sera, sarà sostituito da Lodi sulla trequarti, alle spalle di Marotta e Di Piazza.

Intanto il Calcio Catania ha rotto il silenzio stampa. Dopo le dichiarazioni accusatorie del presidente del Potenza Salvatore Caiata (che ha protestato per la mancata concessione di un rigore all’andata, ha alluso a favori arbitrali nei confronti degli etnei e ha minacciato di non far partire la squadra se a Catania non dovessero essere garantite condizioni di equità), l’ad rossazzurro Pietro Lo Monaco ha replicato (fonte  calciocatania.it): “Chi mette in dubbio la regolarità delle gare, mettendo le mani avanti e chiedendo l’intervento delle istituzioni calcistiche non ama il calcio e manca di serietà, di civiltà e di fair play. […] Basta con il vittimismo, con le provocazioni e con le insinuazioni, ancor più gravi ed insulse considerando che il signor Salvatore Caiata è nel Consiglio Direttivo della Lega Italiana Calcio Professionistico. Il presidente del Potenza, un’ottima squadra che non è il Real Madrid e quindi non credo debba sopportare chissà quali diffuse antipatie e rancorose vessazioni dei rivali frustrati, pare già sicuro di vincere la gara di ritorno: non troverà sul suo cammino soltanto il Catania ma l’intera città di Catania, con sana passione sportiva al fianco dei rossazzurri. Il presidente del Potenza, che attendiamo con ansia ed accoglieremo con un tappeto rossoblù, ha chiesto di essere accompagnato al “Massimino” dal presidente della FIGC Gabriele Gravina, dal presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli e dal presidente dell’AIA Marcello Nicchi: può estendere l’invito anche al Ministro dell’Interno ed al capo della Polizia, sarà l’ennesima occasione per ammirare lo spettacolo della passione rossazzurra”.

Ecco le probabili formazioni:

CATANIA (4-3-1-2): Pisseri; Calapai, Aya, Silvestri, Baraye (Marchese); Rizzo, Biagianti, Bucolo; Sarno (Lodi); Di Piazza, Marotta.

POTENZA (3-4-3): Ioime; Sales, Giosa, Emerson; Coppola, Dettori, Matera, Sepe; Guaita, Genchi, Longo.

Dirigerà la gara il sig. Giacomo Camplone della sezione di Pescara coadiuvato dagli assistenti Ruggieri di Pescara e Saccenti di Modena.