Etna, turista-vandalo scolpisce il proprio nome sulle rocce vulcaniche

Turisti fa da te? Peggio, turisti da strapazzo e soprattutto vandali…Poche righe per descrivere la bravata di un turista (?) tedesco che in gita sull’Etna (versante sud) una volta arrivato ai crateri Silvestri, non ha trovato di meglio da fare se non di deturpare lo scenario unico, prendendo di mira le rocce vulcaniche sulfuree: il “fenomenale” tedesco ha inciso con un oggetto appuntito il prorio nome “Frisk Dras 2019 Levk” sulle rocce. Il turista ha compiuto il gesto lontano dagli occhi di altri turisti e, verosimilmente, di nascosto dalle guide vulcanologiche. L’Etna è risaputo, è una meta ininterrotta per i turisti, interessati al vulcano e alle sue manifestazioni, in quanto è uno dei pochi vulcani attivi al mondo a essere a portata di mano di chiunque, avendo a supporto ogni tipo di mezzo per raggiungerlo e di guida. Ma perchè questa stupidaggine? Ai tempi dei social è facile immaginare che il turista in questione abbia compiuto questo gesto vergognoso, peraltro su un sito Patrimonio dell’Unesco, magari per ottenere qualche “like” in più nella sua pagina instagram (facilmente rintracciabile…). Amareggiati gli operatori del settore…