Treni e tratte in Sicilia: Malaponti smentisce l’assessore Falcone

Treni e tratte in Sicilia: la sitruazione è imbarazzante. Il trasporto e le infrastrutture ferroviarie in Sicilia languono nell’oblio, negli annunci e anche nei fatti, per questa ragione Giosuè Malaponti (Comitato Pendolari Siciliani Ciufer) ha inviato questa lunga e dettagliata nota.

“E’ assurdo che l’assessore regionale ai trasporti, On. Marco Falcone, dichiari che la Sicilia è stata la prima regione a firmare il contratto di servizio per il trasporto ferroviario. Non ci risulta che sia proprio così, e a dimostrarlo ci sono tutte le nostre battaglie da quel 9 settembre 2009, quando, a Roma, quasi tutte le regioni d’Italia si impegnarono a sottoscrivere il loro contratto di servizio per il trasporto ferroviario, a differenza della Sicilia che volle prendere tempo. E di tempo dobbiamo costatare che ne è trascorso sui binari ferroviari siciliani, sino alla sottoscrizione dell’intesa tra Regione e Trenitalia a fine giugno del 2015. Intesa che poneva le basi per la realizzazione e la sottoscrizione del primo contratto di servizio definito “Ponte” che inizialmente doveva essere di circa quattro anni, infatti, in altre regioni è stato fatto per cinque anni, ma poi fu sottoscritto per il biennio “Ponte” 2015-2016 e precisamente il 30 dicembre 2015. Mentre l’attuale contratto di servizio, per il trasporto ferroviario isolano, è stato sottoscritto definitivamente l’8 aprile 2018 per un decennio e precisamente per gli anni 2017-2026. E’ evidente che non vi è stata una trattativa di sei mesi, come afferma l’assessore, ma esattamente di quindici mesi circa. Afferma ancora che, di fatto, si è aperta una nuova fase nei trasporti ferroviari isolani. Non si comprende di quale nuova fase parli, l’assessore ai trasporti, giacché sia i Sindacati del settore, sia le Associazioni dei Consumatori, sia i vari Comitati dei Pendolari hanno segnalato e lamentato, come si legge nei vari articoli di stampa, le presunte “carenze di Trenitalia nella gestione del contratto di servizio in Sicilia”. Non è vero che nel nuovo contratto non sono stati previsti aumenti delle tariffe (biglietti-abbonamenti), questo forse sarà sfuggito all’assessore. Infatti, alla Sezione Seconda del Contratto decennale: Tariffe, orari e investimenti – Art. 14 (Obblighi tariffari e gratuità) e precisamente al comma 4, cito testualmente: “La Regione inoltre stabilisce che le tariffe regionali sono incrementate, dal 1° gennaio degli anni 2020, 2022 e 2024, con prevendita dal giorno 25 dicembre del mese precedente, del 10% per ciascuno degli anni indicati. Gli incrementi delle tariffe sono paritetici per le tariffe regionali e sovra regionali, nel rispetto del documento approvato dalla Conferenza Stato Regioni del 3 agosto 2017, aggiornato in data 21 settembre 2017, e sono automaticamente applicati da Trenitalia, salvo deliberazione contraria della Regione”. Un’altra iniziativa contrattuale di cui non vi è traccia, è quella delineata dall’art. 14 comma 2 punto 5: “Trenitalia doveva attivare contestualmente una promozione commerciale sperimentale per famiglie e piccoli gruppi composti al massimo da sei persone di cui almeno una adulta pagante, valevole almeno per dodici mesi, con vendita di biglietti con il 50% di sconto per i minori di età compresa tra i dodici e i diciotto non compiuti purché accompagnati almeno da un adulto pagante”. Per ultimo vorremo conoscere delle date certe sull’entrata in esercizio di questi 4/5 nuovi treni di nuova generazione, perché sempre da notizie stampa, risultano date diverse: “i primi quattro convogli saranno in esercizio entro il mese di settembre 2019”; ”in servizio a novembre cinque nuovi treni elettrici”. Da quello che si evince nell’allegato ‘A’ della deliberazione regionale n. 69 del 21.02.2019 sembra che i primi 4 convogli dovrebbero essere consegnati a giugno 2019. In conclusione non ci risulta che l’assessore ai trasporti, On. Falcone, abbia convocato alcun incontro operativo fra Regione, Trenitalia e parti sociali prima e/o dopo il 10 di agosto, nonostante abbia dichiarato di volerli incontrare. Alla luce di questi incontri fantasma, stiamo ancora aspettando l’incontro di fine aprile sulla modifica degli orari dei treni e dei bus sostitutivi della Catania-Caltagirone-Gela. E’ nostro dovere chiedere quando pensa di incontrare le Associazioni dei Consumatori e i Comitati dei Pendolari per la pianificazione e sistemazione della bozza oraria 2019-2020 alla luce delle richieste/proposte presentate nei vari incontri di dicembre e gennaio, presso la sede dell’impresa ferroviaria, tra i Dirigenti di Trenitalia, i Dirigenti del Dipartimento Trasporti e i vari Comitati, non avendo avuto a tutt’oggi alcuna conferma? Nel Contratto decennale all’Art.5 (Obblighi di servizio pubblico e diritti di esclusiva) comma 5, cito testualmente: “Per gli anni successivi al secondo, il Programma di Esercizio ad ogni cambio dell’orario sarà concordato con la Regione entro 270 giorni antecedenti l’entrata in vigore dell’orario stesso, ferma restando la disponibilità delle tracce orarie sull’infrastruttura ferroviaria da parte del Gestore dell’Infrastruttura”. Non è più possibile che Associazioni dei Consumatori e Comitati dei Pendolari vengano a conoscenza dei nuovi orari a metà novembre dal portale web di Trenitalia.it o, peggio ancora, con un invito in assessorato, a fine novembre per prendere atto del nuovo orario ferroviario 2019-2020, del quale si ignorano i contenuti e nel quale non sono state inserite, né tutte né in parte, le proposte presentate dai Comitati dei Pendolari”.

Giosuè Malaponti – Comitato Pendolari Siciliani-Ciufer