A Torre del Grifo presentati Pinto e Lele Catania. Lo Monaco: “Mercato in entrata chiuso”

Questo pomeriggio presso la Sala Conferenze di Torre del Grifo sono stati presentati due tra i nuovi acquisti del Catania, l’attaccante Emanuele Catania e il difensore Giovanni Pinto. Prima di dar voce ai due nuovi acquisti rossazzurri l’amministratore delegato ha commentato la vittoria contro l’Avellino e ha sciolto dei nodi sulle condizioni attuali del “Massimino” e sul mercato in entrata e in uscita: “Domenica la squadra ha operato bene nella sua totalità ma mi sono arrabbiato per il 6-3 perché ha mollato mentalmente. L’atteggiamento dovrà cambiare perché non si deve concedere niente. Le condizioni del Massimino sono buone, purtroppo il campo ha risentito del troppo caldo ma il manto erboso si è ripreso. Mercato? Il mercato in entrata è chiuso. Dopo il prestito di Pecorino al Milan dobbiamo ancora sistemare Brodic, Liguori, Rizzo e Fornito affinché trovino più spazio e continuità. Mihajlovic? Se ci penso mi commuovo ma sono sicuro che ce la farà.”

Emanuele Catania: “Ringrazio la società per questa opportunità perché ho voluto fortemente il Catania. Domenica per me è stata una giornata emozionante, la realizzazione di un sogno. Qui sono stato accolto benissimo già dal primo giorno anche dai miei compagni insieme ai quali spero di dare il mio contributo perché i campionati li vince il gruppo e non il singolo. Mbende? È un giocatore importante per la categoria a livello tecnico e fisico e sono sicuro che troverà  spazio.”

Giovanni Pinto: “Per me il Catania al di là della categoria è una piazza importante. La prestazione di domenica è incoraggiante ma non possiamo permetterci di prendere 3 gol. C’è molto da lavorare a livello difensivo ma siamo ancora all’inizio, non dobbiamo montarci la testa ma pensare partita dopo partita. Non sconoscevo Di Molfetta ma ci siamo trovati fin da subito anche fuori dal campo.”