Catania, Camplone: “Francavilla squadra fastidiosa. Vietato commettere gli errori di Avellino”

Nella sala conferenze di Torre del Grifo è intervenuto il tecnico rossazzurro Andrea Camplone per parlare del Francavilla, prossimo avversario del Catania nel match in programma domani pomeriggio alle 17.30 allo stadio “Angelo Massimino”.

Ecco cosa ha dichiarato:

“La Virtus Francavilla è una squadra completamente diversa rispetto all’Avellino nonostante si assomiglino solo per l’uso dello stesso modulo di partenza. Incontriamo una squadra molto più aggressiva e affiatata e con un allenatore che ha delle idee precise. Se non saremo concentrati e attenti andremo in difficoltà e questo mi preoccupa visto il black out di Avellino. In settimana ho visto una squadra che si è allenata bene e in serenità quindi forse ha capito l’errore che ha fatto. Le partite ci servono per lavorare sui fattori negativi. Dobbiamo entrare in campo con la testa giusta e cercare di non dare agli avversari punti di riferimento per metterli in difficoltà.

Formazione? Ad oggi non ci ho ancora pensato. In questo momento scelgo i giocatori che danno qualcosa in più rispetto agli altri. Ho una rosa importante e per me tutti sono titolari. In base a cosa vedo la settimana e all’avversario che troviamo davanti decido poi chi schierare dal primo minuto. Mi aspetto una prestazione importante da parte di tutti, servirà tanta attenzione e pazienza.

Calapai? È stato fuori per squalifica ma sicuramente rientrerà perché è un giocatore importante per la categoria anche se la prestazione di Biondi domenica mi ha soddisfatto.

Pinto? È un difensore di spinta come lo volevo io che aiuta attaccanti e centrocampisti. Ha un piede importante ma quello visto ad Avellino è ancora lontano da quello che piace a me.

Tifosi? Il nostro compito è quello di avvicinare i tifosi allo stadio. Questa piazza viene da due delusioni e quest’anno l’aspettativa è tanta. La Serie C è un campionato difficile e lungo quindi abbiamo bisogno di tempo per lavorare e di fare risultati importanti per far avvicinare la gente allo stadio. Speriamo domani di portare punti a casa convincendo la gente come abbiamo fatto ad Avellino.

Mbende? È giovane e ha avuto il problema della lingua ma si sta applicando e sta crescendo tanto. Al momento ho bisogno di gente pronta e lui vista la stazza è indietro ma sta lavorando molto.

Calciomercato? Siamo abbastanza completi.”