Novantenne picchiata, violentata e derubata da due minorenni…

Incredibile ma vero. Nella notte fra domenica e lunedì, i poliziotti delle volanti di Messina hanno tratto in arresto due minori, un diciassettenne già noto agli uffici di polizia e un quattordicenne, ritenuti responsabili in concorso tra loro dei reati di rapina aggravata, tentato omicidio e violenza sessuale in danno di un donna di 90 anni. Entrambi (messinesi) sono indagati a piede libero per il reato di porto di strumenti atti ad offendere. In particolare, nel pomeriggio di sabato, perveniva alla Centrale Operativa della Questura di Messina una richiesta di intervento da parte di una signora, la quale segnalava un’aggressione ai danni della madre, all’interno della propria abitazione.

L’anziana donna è stata ritrovata in casa ancora cosciente ma riversa sul pavimento con il volto tumefatto e sanguinante, che riferiva agli operatori di aver acconsentito poco prima l’ingresso all’interno della sua abitazione di due giovani, uno dei quali a lei noto in quanto amico di un suo nipote. Subito dopo, i due, minacciandola e percuotendola ripetutamente, mettevano a soqquadro l’abitazione in cerca di denaro ed oggetti preziosi.

L’anziana donna prontamente soccorsa, è stata ricoverata in prognosi riservata con fratture multiple e contusioni escoriate in varie parti del corpo. Inoltre, dalle visite cliniche effettuate è emersa ai suoi danni anche una violenza sessuale. I due minori arrestati sono stati condotti presso il Centro di Prima Accoglienza presso il Tribunale per i Minorenni di Messina, a disposizione dell’autorità giudiziaria.