Lampedusa, si ribalta barchino durante il trasbordo sulle motovedette: già recuperati 9 cadaveri, 20 i dispersi

Ancora una tragedia. Ancora un naufragio. Recuperati 9 cadaveri, una ventina sono i dispersi. Secondo quanto ricostruito, la Guardia Costiera nella tarda serata di domenica ha ricevuto alcune segnalazioni dal CUR di Palermo (Centro Unico di Risposta) riguardo un barchino con a bordo circa 50 migranti che si trovava vicino a Lampedusa. Poco dopo la mezzanotte, l’imbarcazione è stata individuata ma quando sono arrivate le motovedette è avvenuto il ribaltamento.

Secondo una prima ricostruzione, quando sono arrivate le motovedette della guardia costiera e della guardia di finanza per procedere al trasbordo, i migranti si sono spostati tutti da un lato e, complice il mare mosso, hanno fatto ribaltare l’imbarcazione.

E così i cadaveri di 2 donne sono stati sbarcati sul molo Favaloro alle 4:30, mentre alle 4:55 altre due motovedette della Guardia di finanza sono rientrate in porto con i 22 superstiti. I soccorritori hanno individuato intorno alle 8 di stamani altri due cadaveri. Altri sette corpi privi di vita sono stati recuperati da due motovedette della Guardia Costiera, dopo essere stati avvistati da un elicottero della Guardia Costiera impegnato nell’attività di ricerca. Secondo il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, i migranti vanno tolti dalle mani dei delinquenti. La Procura di Agrigento (con Luigi Patronaggio) ha disposto un’inchiesta.