Catania senza scusanti e società sotto accusa… col Picerno sarà contestazione?

Non è sicuramente un bel clima quello che si respira attorno al Catania. La trasferta di Terni era, infatti, un banco di prova per i rossazzurri, con tifosi, società e lo stesso Camplone che attendevano risposte dalla squadra che doveva dimostrare di voler cancellare la scia negativa in trasferta e rimettersi in corsa verso i primi posti. Portare a casa il risultato o mostrare una mentalità e una prestazione differente doveva servire per guarire i malumori dell’ultimo periodo e per rasserenare l’ambiente sempre più diffidente nei confronti dei rossazzurri. E invece gli etnei in Umbria (a parte il primo tempo) hanno riproposto lo stesso copione delle ultime uscite dove a farla da padrone è stata la paura. 4° ko in trasferta, il secondo consecutivo, 3 gol incassati che sommati ai precedenti vedono i rossazzurri con una delle peggiori difese del campionato: numeri impietosi per una squadra come il Catania che quest’anno, per il 5° anno consecutivo è partita comunque con i favori del pronostico, quanto meno per le primissime posizioni.

Forse non è esente da colpe neanche il tecnico Camplone che a fine gara ha provato a giustificare l’ennesima sconfitta in trasferta. Nell’11 titolare, peraltro, il tecnico abbruzzese ha lasciato in panchina Pinto per dare spazio a Kevin Biondi adottato nel ruolo di terzino sinistro nonostante da tutti sia conosciuto come trequartista. Ma anche con questo cambio la difesa non ne ha beneficiato, anzi, con le difficoltà oggettive di Mbende, è chiaro che a gennaio occorrerà intervenire tempestivamente.

E le critiche da parte dei tifosi (a Terni erano più di 200) sono state puntuali: oltre a incolpare la squadra e il tecnico non è stata risparmiata la società per non aver costruito una squadra all’altezza dell’obiettivo prefissato. I rossazzurri, che hanno ripreso gli allenamenti a Torre del Grifo, domenica contro il Picerno ritorneranno al Massimino (fischio d’inizio alle ore 15) dove quasi sicuramente non mancherà la contestazione da parte dei tifosi delle curve…