Catania lento e macchinoso: 1-1 con la Casertana, fuori dallo stadio cori contro la società…

Catania: Furlan, Silvestri, Biagianti (18′ st Di Molfetta), Esposito, Biondi (18′ st Calapai), Dall’Oglio, Mazzarani (27′ st Lodi), Rizzo, Pinto, Catania (27′ st Barisic), Curiale. A disp.: Martinez, Noce, Pino, Marchese, Fornito, Lodi, Llama, Barisic, Rossetti. All. Lucarelli.
Casertana: Crispino, Longo, Silva, Caldore, Adamo 42′ st Matese), D’Angelo, Santoro, Laaribi (20′ st Clemente), Zito, Origlia (10′ st Paparusso), Starita (30 st Floro Flores). A disp.: Zivkovic, Galluzzo, Ciriello, Gonzalez, Zivkov, Varesanovic. All. Ciro Ginestra
Arbitro: Davide Moriconi di Roma (collaboratori Massimo Salvalaglio di Legnano e Riccardo Vitali di Brescia).
Reti: 35′ Caldore, 3′ st Curiale.
Note: si è giocato a porte chiuse. Ammoniti: Curiale, Origlia, Pinto, Ginestra (allenatore rossoblu.), Silvestri, Floro Flores, Esposito.
Angolo: 6-2. Recupero: 1′- 4′.

Catania lento e macchinoso. Senza nerbo, senza determinazione. Con Lodi in panchina e Mazzarani in un ruolo a lui poco adatto. In avanti la coppia Curiale-Catania (Di Piazza squalificato, Sarno da troppo tempo ko). Campo in pessime condizioni (giocate 3 gare in 6 giorni, pioggia compresa). La Casertana passa in vantaggio nel primo tempo con Caldore, in avvio di ripresa il gol di Curiale, lesto sotto misura a superare Crispino. Complessivamente un Catania inguardabile così come la classifica (21 punti e una gara da recuperare: la Reggina capolista ha toccato quota 40…). Catania che inesorabilmente in campo sembra condizionato dal clima che si respira attorno alla società, che ha chiesto scusa ai tifosi (per il mancato servizio di stewarding…) attraverso un comunicato. Quando Mazzarani è uscito (al suo posto è entrato Lodi, abulico a dire il vero…) ha pure scalciato la bandierina del corner. Ai giornalisti Lucarelli ha dichiarato ripetutamente che è mancato il cazzotto del ko. Ma non è questa la strada per risalire la china e sperare di cambiare rotta. Il mercato di riparazione? Servirebbero 4 o forse 5 giocatori di livello per rigenerare la squadra. Delusi i tifosi (sui social in particolare) con un gruppo sotto la Curva Nord che all’esterno dello stadio ha intonato a più riprese cori contro la società, prendendo di mira Lo Monaco e Pulvirenti…