Scherma, Methodos: Belviso e Romeo spiccano nella Prima Prova GPG, ma è un successo per tutti…

In casa Methodos ritorna il sorriso. Si è conclusa, infatti, con successo la Prima Prova del Gran Prix Kinder Joy of Moving Under 14, svoltasi nel fine settimana a Vercelli e alla quale hanno partecipato venti giovanissimi schermidori della scuola di scherma di Sant’Agata li Battiati.
Nella categoria ragazzi, Marco Belviso e Matteo Romeo hanno dato lustro alla Methodos conquistando rispettivamente il sesto e l’ottavo posto della finale ad otto. Bene anche le schermidrici, uscite quasi tutte per i 16: segnali positivi da parte di Eleonora Santonocito (categoria allieve), che è uscita per poche stoccate; Giulia Missale (categoria ragazze), che da inizio stagione si è allenata con molta attenzione e caparbietà, Sofia Privitera e Valeria Zappalà (categoria giovanissime), che hanno fatto una buona gara, e l’esordiente Beatrice Luca (categoria bambine), che è riuscita a vincere le gare ma soprattutto l’emozione. Bene anche Marta Manzitto, che ha condotto alla grande il suo girone, vincendo tutti gli scontri. La promettente schermidrice si è fermata, però, alla prima diretta, probabilmente per un calo emotivo piuttosto che fisico.

“Sono piccoli ma hanno affrontato bene le gare, con capacità ed entusiasmo” – ha commentato il maestro Gianni Sperlinga. “Ho ricevuto tanti segnali positivi. Non posso lamentarmi proprio di nessuno, neanche di quelli che hanno raggiunto risultati meno importanti”.

Un successo, dunque, che consente ai più piccoli di acquisire la sicurezza necessaria in vista del Gran Premio Giovanissimi che si terrà dal 13 al 19 maggio a Riccione.
Ma alla Methodos si sorride anche per altro: il maestro Sperlinga, impegnato da sempre nell’obiettivo di far fiorire la scherma e lo sport catanese in generale, ha ricevuto il premio alla carriera in occasione della sesta edizione del Premio “I nostri campioni”, organizzata da Catania al Vertice.