Pallamano, Serie A2: un Mascalucia sottotono cede all’Alcamo, adesso a pari punti…

Non era di certo così che la Darwin Tech Mascalucia pensava di riprendere il campionato. Eppure, nella seconda giornata di ritorno di serie A2 di pallamano maschile, al PalaVerga è arrivata la quinta sconfitta esterna di questa stagione contro l’Alcamo, che ha vinto per 29-24 di fronte al suo pubblico riscattandosi dopo la sconfitta dell’andata.
Niente ha potuto fermare gli alcamesi di coach Randes: dopo un primo tempo equilibrato, la prestazione dei mascaluciesi è stata pressoché sottotono, anche se prima del match sembravano avere tutte le carte in regola per fare bene, presentandosi più forti dal punto di vista fisico e trovandosi di fronte un avversario ostico ma non imbattibile. In effetti, nella gara d’andata le cose erano andate diversamente al PalaWagner, dove i ragazzi di mister Cardaci erano riusciti a vincere per 34-27 lottando ad un ritmo elevato e senza lasciarsi sfuggire l’occasione di ottenere punti importanti. Quella è stata la prima vittoria stagionale per il Mascalucia, una partita intensa e piena di colpi di scena che ha lasciato col fiato sospeso fino alla fine. Ma è vero, ogni derby ha una sua storia e questa volta l’Alcamo (unica squadra del girone, fin’ora, ad essere riuscita a battere l’attuale capolista Albatro Siracusa) ha avuto la meglio, portandosi a quota 7 punti e raggiungendo proprio Benevento e Mascalucia, che al momento occupa il sesto posto in una classifica veramente corta.
Un rientro amaro per la Darwin Tech, che non può far altro che pensare al prossimo impegno di campionato proprio contro la terza in classifica: sabato al PalaWagner sfiderà il Teramo, che nella gara d’andata ha trionfato partendo già favorito. Così, l’obiettivo per il Mascalucia del presidente Pagano era ed è sempre lo stesso: restare in serie A2, e per farlo gli basta tenersi lontano da quell’ultimo posto in classifica, al momento occupato dal Putignano, quando mancano 5 giornate alla fine del campionato.