S. Agata, folla composta e ordinata per il grande abbraccio della città

Cattedrale stipata. Ma folla ordinata. Devozione tanta, infinita la voglia di rivederla. Di rivedere il volto della Santa Patrona di Catania. di riabbracciarla. Messa dell’Aurora partecipata, l’arcivescovo mons. Gristina a tratti emozionato. In primo piano la preghiera, la devozione e dunque la fede. Piazza Duomo piena di fedeli, tantissimi i bambini, svegliati all’alba. Efficace e breve il messaggio di monsignor Barbaro scionti sul fercolo (Agata modello per tutti, uomini e donne…). La processione è cominciata in leggero antcipo e già alle 10,30 aveva raggiunto piazza dei Martiri, dove toccante è stato il momento d’incontro fra la “Santa” e i diversamente abili, per la lodevole iniziativa portata avanti da 15 annni da Salvatore Mirabella dell’associazione Come Ginestre. Tanta gente, tanti devoti e anche  tanto ordine per una festa imponente, pari alla devozione dei catanesi per la loro amatissima Agata…