Scherma, la Methodos viaggia verso gli Assoluti… e Tokyo 2020

Continua la scia di risultati positivi per la Methodos, la scuola di scherma di Sant’Agata li Battiati, che in 24 ore ha dato lustro ai suoi diamanti da Catania a Barcellona.
Nel palazzetto dello sport di Santa Venerina, infatti, Chiara Zappalà ha vinto la seconda prova regionale Open di qualificazione agli Assoluti, così accedendo ai relativi Campionati Italiani in programma a marzo a Caorle. Plausi anche per Loris Calabretta, che ha conquistato il secondo gradino del podio nella categoria maschile.

Ospite nel programma sportivo SalaStampa, Chiara Zappalà ha commentato: “Non me l’aspettavo e forse non se l’aspettava nemmeno il maestro Sperlinga. Nella fase a gironi ero nervosa, ma le dirette sono andate sempre meglio fino a quando ho raggiunto la finale e ho vinto. Sono contenta di questo risultato”.

“Mi aspettavo una buona gara – ha aggiunto durante la puntata Gianni Sperlinga – ma non che riuscisse a superarle tutte. Lo dico perché ha ripreso da poco a gareggiare, è stata a Torino per motivi di studio. Siamo felici del suo ritorno, porta con sé tanta esperienza, è una delle allieve più capaci della categoria cadette. Era importante che lei e Loris raggiungessero questa qualificazione”.

WhatsApp Image 2020-02-09 at 19.17.16 (2)

Ma la Methodos fa echeggiare il suo nome anche a Barcellona, che nel fine settimana è stata tappa di Coppa del Mondo di scherma. L’Italspada femminile ha, infatti, staccato il pass per le Olimpiadi di Tokyo 2020, nonostante il nono posto in classifica dopo la sconfitta contro Hong Kong agli ottavi di finale per 35-34. La stella della Methodos Rossella Fiamingo non ha gareggiato a causa di uno stiramento al bicipite femorale, ma farà parte del quartetto azzurro che parteciperà ai giochi olimpici di Tokyo 2020 in estate.

“Non hanno giocato una gara eccelsa – ha proseguito Sperlinga a SalaStampa – ma hanno conquistato punti decisivi. Sarà la terza olimpiade per Rossella e per la Methodos grazie a lei”.