Coronavirus: 3 casi a Palermo, positivi al test la turista bergamasca, il marito e un compagno di viaggio…

Massima allerta. Ma amche qualche preoccupazione. E’ risultata positiva al coronavirus la turista sessantenne di Bergamo in vacanza a Palermo che ieri sera è stata ricoverata all’ospedale Cervello per i controlli dopo aver mostrato sintomi influenzali. Questo è il primo caso di coronavirus accertato nel Sud Italia. Dopo un primo tampone risultato negativo, il marito della turista bergamasca affetta da coronavirus, sarebbe risultato positivo al secondo tampone. E’ quanto apprende l’agenzia Adnkronos. Adesso i risultati saranno trasmessi all’Istituto Spallanzani per avere la conferma definitiva. I turisti che erano con la coppia, 29 in totale, giunti a Palermo da venerdì 21 febbraio, rimarranno in isolamento nell’albergo Mercure di via Mariano Stabile, in attesa dell’esito del tampone faringeo che è stato fatto a tutti. Oltre ai turisti sono in isolamento anche venti persone circa, tra cui personale dell’hotel, che sono state più a stretto contatto col gruppo. In auto quarantena anche l’autista del pullman che ha trasportato per Palermo il gruppo di turisti bergamaschi, che ha contattato stamattina il 118 dicendo di non avere alcun sintomo, ed è in attesa che personale medico vada a fargli il tampone. La donna bergamasca risultata positiva al coronavirus a Palermo è stata isolata assieme al marito e l’esame di laboratorio per verificare il virus è stato ripetuto due volte. Dopo il risultato – spiega in una nota la la Regione siciliana – sono stati isolati “tutti coloro che hanno avuto contatti ravvicinati con la coppia, ai quali è stato nella notte prelevato un campione salivare mediante tampone faringeo”. “Abbiamo immediatamente informato – dice il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci – la task force nazionale e l’Istituto Superiore di Sanità per concordare le procedure da adottare. Siamo impegnati dalla scorsa notte a mettere in atto le procedure previste, che sono state immediatamente eseguite grazie al lavoro di questi giorni”. Nelle 93 camere dell’albergo è rimasta solo la comitiva che era in viaggio con la turista. Tutti gli altri ospiti sono stati mandati via.