Coronavirus, pronto il decreto Salva Economia: stop al Fisco e sostegno a famiglie e lavoratori

E’ quasi pronto il nuovo decreto Salva Economia da circa 15 miliardi di euro, che il governo dovrebbe presentare entro questa sera, sabato 14 marzo. Tra le principali misure previste dal decreto vi è la sospensione delle scadenze fiscali a partire da quella del 16 marzo. Differite, dunque, le scadenze relative all’Iva e alle ritenute Irpef. Sospesi anche i termini per le attività dell’Agenzia delle entrate e l’invio di nuove cartelle ed atti esecutivi. Nessun cenno, invece, sulla scadenza dei contributi previdenziali Inps, che al momento dovranno essere versati.
Sul fronte lavoratori dipendenti, la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo ha parlato dell’estensione a tutti della Cassa integrazione in deroga, compresi i soci di cooperative, i dipendenti di fondazioni nel settore dei pubblici servizi e del terzo settore, prevedendo anche il potenziamento del Fondo di integrazione salariale. Per chi, invece, non può ricorrere alla Cassa integrazione in deroga, potrebbe fruire del sussidio di disoccupazione. Previsti anche 4 miliardi circa per rafforzare gli ammortizzatori sociali.
Benefici anche per lavoratori autonomi e liberi professionisti, a cui saranno destinati bonus mensili per far fronte all’emergenza economica e che potranno versare i contributi previdenziali e assistenziali alle proprie casse private dopo il 30 settembre. Imprese e aziende, invece, potranno beneficiare di mutui a tasso zero fino a 15 anni per estinguere debiti bancari.
Agevolazioni anche per le famiglie in difficoltà. Il fondo di solidarietà istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze viene esteso ai mutui per l’acquisto della prima casa. Le rate del mutuo verranno, infatti, sospese anche per situazioni di temporanea difficoltà come quella attuale. Previsti inoltre congedi parentali straordinari per i genitori con i figli a casa, una riduzione delle bollette per tutto il 2020 e il rinvio dei termini per pagare l’assicurazione obbligatoria. E ancora proroghe per la revisione auto, per il rinnovo dei documenti di identità e per le lauree.