Cadono i divieti domenicali: aperti gli esercizi per cibo da asporto e da consegnare

La comunicazione? Semplicemente poco chiara, difficile da comprendere. La gente continua ad essere disorientata su cosa si può fare e cosa è vietato. Tra un’ordinaza e l’altra e le diverse interpretazioni, gli italiani sono davvero in difficoltà davanti alle numerose ordinanze. In Sicilia? Torna la possibilità di portare a domicilio il cibo anche di domenica. E per la Festa della mamma si potrà eccezionalmente anche far recapitare i fiori. In particolare la Protezione civile suggerisce le regole dopo l’ordinanza di fine aprile, con la quale il Governatore Musumeci ha dato il via libera alle aperture domenicali dei negozi alimentari anche per l’asporto: per comprare del cibo si potranno anche varcare i confini comunali, come del resto si può fare già per fare la spesa nei giorni festivi.

La circolare della Protezione civile punta a chiarire i “problemi interpretativi”. Il via libera“ nelle giornate domenicali il servizio di consegna a domicilio e di asporto dei prodotti alimentari e affini – si legge nella nota firmata dal dirigente generale Calogero Foti – significa che nelle giornate domenicali tutti gli esercizi commerciali che praticano servizio a domicilio o di asporto sono autorizzati ad essere aperti per poter fornire il suddetto servizio”.
Si elencano poi i locali che possono riaprire anche nei festivi, a patto però di non far consumare il cibo all’interno: “Bar, pasticcerie, ristoranti, ed esercizi similari che vendono prodotti alimentari o affini quali prodotti da forno, rosticceria, cibi cotti, pasticceria e similari possono garantire il servizio evitando gli assembramenti e garantendo il rispetto delle distanze interpersonali. Le persone che vorranno fruire del servizio dovranno, comunque, indossare le mascherine quando si troveranno in fila per l’asporto”.