Fabio Cantarella bocciato da Nello Musumeci perché “catanese”…

Sorride. Ma è un sorriso amaro, un tantino ironico. Fabio Cantarella svela i retroscena dietro il rifiuto di Nello Musumeci di nominarlo assessore ai Beni Culturali della Regione, preferendogli Alberto Samonà.

“Perché non sono stato nominato assessore?” afferma Cantarella con una smorfia del volto “…perché sono catanese, così mi è stato detto dal presidente Musumeci…”.

Cantarella spiega: “Musumeci è stato chiaro; dicendomi che sono una persona affidabile e onesta ma che essendo catanese non potevo ricoprire quel ruolo, ci sono già quattro catanesi in Giunta…”.

E Matteo Salvini? Cantarella svela un altro particolare: “Il mio era l’unico nome voluto da Salvini nome sul tavolo di Musumeci, ma non è bastato…”.

Delusione? Cantarella scuote il capo: “Continuerò a lavorare e a impegnarmi per la Lega in Sicilia e per i catanesi con il mio complesso assessorato, ma una cosa voglio ribadirla: io sono catanese al cento per cento e ne vado orgoglioso…”.