Il bonus ai sanitari? Nelle altre regioni trovato l’accordo, in Sicilia…silenzio

Nelle altre regioni l’accordo è stato trovato. E in Sicilia? Ancora no. Ecco perché bisogna riavviare la trattativa regionale sulle tematiche lasciate in sospeso e sulla liquidazione dei premi agli operatori sanitari. Lo chiede la Fsi-Usae Sicilia Federazione Sindacati Indipendenti organizzazione costituente della confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei, che ha sollecitato al presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e all’Assessore regionale della Salute Ruggero Razza un’ immediata convocazione per la determinazione e la firma dell’accordo contrattuale, obbligatorio, per la suddivisione delle risorse economiche agli operatori sanitari.

“Sono trascorsi due mesi dall’invio della nostra richiesta di convocazione per il finanziamento straordinario regionale destinato a specifica indennità di disagio per gli operatori sanitari impegnati nell’emergenza Covid-19, per la ripartizione delle risorse derivanti dagli art. 1 e 3 del D.L. 18 del 2020 e per la revisione e finanziamento dell’indennità di malattie infettive che deve essere estesa a tutto il personale impegnato nelle attività Covid-19 e pertanto vogliamo far ripartire la trattativa”- affermano Pier Paolo Di Marco, Salvatore Di Natale, Maurizio Cirignotta, Salvatore Ballacchino, Salvatore Bracchitta, Renzo Spada e Calogero Coniglio componenti della segreteria regionale Fsi-UsaeSicilia.

“E’ arrivato il momento di ringraziare non solo moralmente chi ha rischiato la vita tutti i giorni per difendere la salute dei cittadini siciliani, tutti gli operatori sanitari, teniamo a citarli con rispetto, medici, infermieri, tecnici di radiologia e laboratorio analisi, fisioterapisti, ostetriche, oss, personale del 118, ecc. che si sono spesi senza remore durante la emergenza del Coronavirus, che ancora ci attanaglia, ma riconoscendo anche il loro lavoro in prima linea nel fronteggiare l’emergenza Covid-19, mediante premi economici. Le regioni Lombardia, Puglia, Piemonte, Lazio ed Emilia Romagna hanno già sottoscritto l’accordo con i sindacati e nelle altre regioni stanno per concludersi”.

“Per la Fsi-Usae Sicilia è doveroso gratificare il lavoro e i sacrifici degli operatori sanitari, con un riconoscimento economico, da modulare a seconda del grado di esposizione al rischio, tra chi si trova in prima linea nell’emergenza e chi lavora in altri reparti, in accordo con i sindacati, inoltre come già fatto da altre regioni ribadiamo la necessità di trovare una soluzione occupazionale per gli operatori sanitari che hanno dato disponibilità a collaborare con contratti a tempo determinato fino a fine emergenza”.

“Il personale sanitario non si è tirato indietro, la classe politica faccia altrettanto. Per questo – concludono i componenti della segreteria regionale della Fsi-Usae Sicilia – chiediamo sia convocato con urgenza il tavolo di contrattazione regionale”.