Tuonano i pirotecnici di Sicilia: “Esistiamo pure noi…”

I Pirotecnici di Sicilia “TUONANO”

“ESISTIAMO anche NOI…!!!È questo il grido di sofferenza di uno dei settori più emarginati del cura Italia, che in questi giorni di riapertura, sta provando a salvare una stagione ormai compromessa.
Un vero e proprio tavolo tecnico straordinario, tenutosi nei giorni scorsi all’interno di una delle storiche ditte siciliane “Vaccalluzzo Events di Belpasso” .
Alla presenza dell’On. Giuseppe Zitelli, i titolari delle tante aziende di fuochi d’artificio del territorio, hanno evidenziato il bisogno imminente di essere ascoltati e considerati dal Governo Regionale Musumeci, al fine di poter recuperare la difficile situazione in cui versa il settore, che come una vera e propria cascata sta travolgendo tutto il comparto delle feste patronali ed eventi pubblici all’aperto.
Tutti i comparti commerciali infatti, seppur con estrema difficoltà, stanno avendo l’opportunità di ripartire, mentre il settore pirotecnico e affini sembra essere stato dimenticato.
Durante l’incontro, fortemente voluto dall’istancabile Alfredo Vaccalluzzo, si è parlato della necessità di stabilire dei fondi o finanziamenti a sostegno delle aziende che nonostante i vari eventi cancellati si ritrovano a dover fronteggiare l’onerosa pressione tributaria e gestionale, inerente alla stagione 2020.
Nel corso della riunione, si è discussa inoltre la necessità di costituire un’associazione a tutela dei fabbricanti siciliani di fuochi d’artificio, al fine di valorizzare un mestiere antichissimo tramandato nel tempo, che conta un indotto di oltre 15 milioni di euro.
Si vuole infine tutelare un’eccellenza italiana apprezzata nel mondo, che a causa di questo particolare periodo, rischia di scomparire.