Serie C, ok ai playoff e ai playout: il Palermo promosso cerca Boscaglia

Vince il calcio per 18-3  (parliamo di voti favorevoli sui contrari); gongola il presidente della Figc Gabriele Gravina: play-off e play-out in caso di nuovo stop al campionato, qualora ci fossero le date utili per disputarli.

È stato questo l’esito del Consiglio federale svoltosi a Roma, che ha approvato il cosiddetto piano B, cioè le linee guida proposte come detto dal presidente della Figc da applicare in caso di una definitiva interruzione della Serie A. Se non ci sarà invece il tempo sufficiente, sarà la classifica con criterio correttivo (l’algoritmo) a stabilire le squadre qualificate in Europa e le retrocessioni.

Serie B: qualora il campionato dovesse interrompersi di nuovo si valuterà se ci sarà il tempo di fare i playoff (eventualmente anche con formula più breve) altrimenti si cristallizzerà la classifica e si utilizzerà l’algoritmo per determinare promozioni e retrocessioni.

Serie C: confermate in B le promozioni di Monza, Vicenza e Reggina. La Serie C riparte con playoff e playout, mentre l’ultima di ogni girone è retrocessa in Serie D (Gozzano, Rimini e Rieti retrocesse).

Prima della disputa di playoff e playout, la Serie C tornerà in campo per la finale di coppa di categoria da disputarsi tra Juventus U23 e Ternana: gara secca in campo neutro.

Il campionato femminile non riprenderà. Il Palermo è dunque ufficialmente in Serie C (promosse anche Campodarsego, Lucchese, Pro Sesto, Mantova, Grosseto, Matelica, Turris e Bitonto); in casa rosanero percorribile la strada del possibile ingaggio di Roberto Boscaglia come tecnico al posto di Pergolizzi. Le alternative? Italiano o Caserta.