Biagianti: “In questa assurda stagione creato un legame indissolubile…”

Il Catania si avvia a voltare pagina. Si chiude l’era Pulvirenti e finisce una stagione anomala. Maledetta per un verso, costellata da diatribe nello spogliatoio, dall’emergenza sanitaria e da vicende giudiziarie, e romantica per l’altro, avendo suggellato l’unione già profonda tra squadra e tifoseria. Il futuro della matricola è ancora incerto, come lo è quello di alcuni giocatori. Tra loro c’è Marco Biagianti, il capitano. La bandiera col numero 27 stampato sulla maglia. Oggi riflette anche lui, pensando a cosa ne sarà della sua squadra e della sua carriera. E se quella contro la Ternana fosse stata la sua ultima partita?

Questo il post pubblicato sui suoi social.

E se fosse stata la mia ultima stagione con questa maglia, non avrei potuto chiedere compagni migliori, gente vera che ha onorato la nostra maglia fino all’ultimo.⁣
Sono riusciti ad unire tutta la città e creare un legame indissolubile con Voi, forse mai successo prima.⁣

Tra pubalgia, l’essere messo fuori rosa, il nodo stipendi ed il Coronavirus è stato un anno molto particolare e pesante per me, ma nonostante tutto non sono riuscito a svuotare il mio armadietto! ⁣
L’ho lasciato così, come sempre.⁣
Il mio posto numero 27 per tutti questi anni di Catania. ⁣
Vorrei che il tempo si fermasse.

Ringrazio tutte le persone e tanti amici, che hanno lavorato in questa e per questa società, da Massanunziata a Torre del grifo, persone splendide che con amore e passione hanno messo sempre il Catania al primo posto.⁣
Grazie a tutti i tifosi per l’affetto che mi avete sempre dimostrato, soprattutto nei momenti difficili.

Ho un po’ paura e mille pensieri, non so quello che succederà al nostro amato Catania o quello che deciderò per il mio futuro, se ci sarà ancora la possibilità di indossare questi colori o no, ma il tempo, quello trascorso con questa maglia, con questi colori, e con Voi.. rimarrà per sempre nel mio cuore! ⁣

CATANIA UNICO AMORE ❤️💙