Sigi pronta all’apertura della base d’asta

Ormai siamo agli sgoccioli e queste ultime ore prima del termine di presentazione dell’offerta sono frenetiche in vista della collazione di tutta la documentazione che il bando della procedura competitiva per rilevare il pacchetto azionario del Calcio Catania spa prevede.

Non si può e sopratutto non si devono commettere errori o dimenticare qualche dichiarazione o firma che potrebbe vanificare il certosino lavoro svolto ormai da sette mesi dai rappresentanti della S.I.G.I. (SPA interessata all’acquisizione del Calcio Catania) che oggi depositerà l’offerta.

Cresce l’attesa e con questa l’ansia dei tantissimi tifosi rossazzurri che sono in trepidante attesa di conoscere chi riuscirà a compiere il salvataggio della squadra che riesce a scaldare i loro cuori e a salvare la matricola 11.700.

Il giorno della verità sarà domani giovedì 23 luglio, con in inizio alle 11, il luogo l’aula di udienza del giudice delegato, dottoressa Alessandra Bellia, nel Palazzo di Giustizia di Catania, dove si svolgerà la procedura competitiva che nell’ipotesi in cui venisse presentata più di una offerta, si procederà a una gara fra gli offerenti a partire dall’offerta economica più alta fra quelle ricevute, che prevede un rilancio minimo non inferiore a 25 mila euro da effettuarsi, ciascuno, nel termine di un minuto dall’apertura della gara o dall’offerta immediatamente precedente.

Per la Sigi dovrebbe essere il presidente Avv. Giovanni Ferraù il rappresentante che valuterà gli eventuali rilanci competitivi da proporre. In strettissimo contatto con l’avvocato Augello e il resto della cordata…L’attesa è già cominciata!

MELIOR DE CINERE SURGO

.