Ed Enzo Bianco è in attesa di giudizio sui conti “fittizi” del Comune di Catania…

Poche e scarne le notizie riguardo la patata bollente in mano a Bianco, in merito ai conti fittizi sotto la sua gestione. Ieri a Palermo davanti ai giudici contabili della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti, si è svolta l’udienza che vede coinvolto come detto l’ex sindaco Enzo Bianco e altri amministratori.

A sostenere l’accusa per la richiesta di condanna e di pagamento di una somma a titolo di risarcimento è il PM dott.ssa Marcella Tomasi.

Una richiesta di condanna che si scontra con la corposa memoria difensiva e la documentazione prodotta dai difensori di ciascun accusato e in particolare da quelli del collegio di difesa dell’ex primo cittadino catanese Bianco, che ha riportato le corrette azioni amministrative intraprese nei 5 anni della sua gestione, ma soprattutto quella di chi l’ha preceduto (Giunta Stancanelli), deliberando un piano di rientro che poi è stato mantenuto seppur con qualche modifica.

La sezione giurisdizionale siciliana si è riservato i termini di sessanta giorni per decidere sulla richiesta, della Procura contabile, di interdire per 10 anni Enzo Bianco e tutta la sua ex giunta, per la gestione finanziaria del Comune etneo, che si attende per entro il mese di settembre.