Turista con la febbre scappa dall’albergo, ripreso poco dopo…

Non sono le scene di un film ma dei fatti che nell’era Covid-19 si sono verificati in Sicilia nello specifico a Palermo.

Un turista italo-statunitense arrivato qualche giorno fa e alloggiato in un albergo del centro di Palermo, che accusava uno stato febbrile di oltre 38 alla vista dei sanitari delle USCA, allertati dalla struttura alberghiera, che dovevano effettuare il prelievo faringeo necessario all’accertamento di un’eventualità positività al Covid ha deciso di scappare dall’albergo e rendersi irreperibile.

Subito allertati i carabinieri che lo hanno ritrovato nei pressi del teatro Politeama e stato trasportato all’ospedale Ingrassia per eseguire il tampone per il Covid 19 come da procedura. Attualmente è posto in isolamento fiduciario in attesa dell’esito del tampone.

Se c’è il turista che scappa la cronaca ci riporta di una una giovane di 26 anni che si è resa conto di avere alcuni sintomi tra cui la perdita del gusto e dell’olfatto e a titolo precauzionale si è presentata all’ospedale Cervello di Palermo per effettuare il tampone che ha dato esito positivo.

La giovane si trova in osservazione all’ospedale e le sue condizioni sono buone. E’ ricoverata, come spiegano dall’azienda ospedaliera, nel reparto di malattie infettive e secondo quanto ha raccontato non aveva avuto in passato incontri o contatti con  persone provenienti dal nord Italia o dall’estero.