Covid, in Sicilia i nuovi casi sono dieci

Il bollettino emanato oggi dalle autorità sanitarie siciliane riporta altri nuovi dieci positivi al Covid-19 in Sicilia. Dopo i tre di ieri, oggi vi è stato un notevole incremento influenzato anche dall’alto numero, ben 2670 tamponi processati, dal sistema sanitario regione. In Sicilia l’epidemia di coronavirus continua quindi – secondo il bollettino del ministero della Salute redatto su dati comunicato dalle Regioni pone comunque l’Isola al sesto posto in Italia per numero di contagi nelle venti regioni dopo Lombardia (44), Emilia Romagna (42), Veneto (20), Lazio (17) e Toscana (11).

I dieci nuovi contagi che si registrano in Sicilia sono cosi distribuiti 5 a Catania, 4 a Ragusa e uno a Messina che portano i casi totali dall’inizio dell’epidemia a 3.318, mentre gli attuali positivi sono 293 mentre oggi si registrano ben 4 guarigioni e purtroppo un decesso. Sono 35 i ricoverati con sintomi e 3 in terapia intensiva mentre in isolamento domiciliare si trovano ancora 256 persone.

In Sicilia non si registravano decessi da moltissimo tempo, purtroppo a perdere la vita è stato uno dei due pazienti positivi al Covid 19 di Scicli, nel Ragusano.

Si tratta del professor Bruno Ficili, 84 anni, noto per il suo impegno internazionale a favore della pace nel mondo. Dal 1986, come presidente dell’Associazione Internazionale per l’educazione alla pace, di cui è stato fondatore, ha organizzato in Sicilia, a Siracusa, città in cui viveva e lavorava come dirigente scolastico, convegni internazionali sulla educazione alla pace e più volte era stato candidato al Nobel per la pace che da qualche giorno si trovava in vacanza, come ogni anno, a Donnalucata.