Sicilia, 44 i nuovi contagi (7 fra i migranti): 16 casi a Catania

Oggi sono 44 i nuovi positivi al Coronavirus riscontrati in Sicilia su 3.129 tamponi processati e si registrano ben sette positivi (Ragusa) tra i migranti giunti in Sicilia. Negli ospedali ci sono in tutto 53 persone che necessitano delle cure ospedaliere con un più quattro rispetto a ieri ma restano sempre otto quelle ricoverate in terapia intensiva.

Al momento le persone positive in Sicilia sono dunque 828, di cui ben 7775 in isolamento domiciliare. Anche oggi non si registrano decessi e ben sei guarigioni. Dei 44 nuovi positivi, sedici sono nella provincia di Catania otto a Calatanissetta dieci a Ragusa uno a Messina, e sei a Palermo, due a Siracusa.

Nuovo boom di contagi per il Covid in Italia dove sono ben 947 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore. Nove i morti a fronte dei 6 registrati ier. In calo i tamponi: 71mila, circa 6mila in meno di ieri. Questi i dati forniti del ministero della Salute.

Gimbe, contagi nell’ultimo mese aumentati del 140% – I contagi da nuovo coronavirus in Italia sono aumentati di oltre il 140% nell’ultimo mese. Lo rileva la Fondazione Gimbe confrontando i 3.399 nuovi casi rilevati dal 12 al 18 agosto con i 1.408 della settimana fra il 15 e il 21 luglio. “Si conferma il trend in progressivo aumento dei nuovi casi, siano essi autoctoni, di importazione (stranieri) o da rientro di italiani andati in vacanza all’estero”, rileva in una nota il presidente della Fondazione, Nino Cartabellotta. “La risalita nella curva dei contagi – precisa – desta non poche preoccupazioni sia perché l’incremento inizia a riflettersi progressivamente sull’aumento delle ospedalizzazioni, sia perché solo negli ultimi due giorni, peraltro non inclusi nella nostra analisi settimanale, sono stati riportati quasi 1.500 nuovi casi».

Un neonato è stato ricoverato precauzionalmente all’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari. E’ in condizioni stabili. Lo fa sapere il direttore generale dell’Asl Bari, Antonio Sanguedolce. Il bimbo è tra i 35 contagi di Coronavirus registrati oggi in Puglia, uno dei quattro individuati durante il triage in strutture sanitarie di Bari e “per i quali – ha precisato – sono in corso le indagini epidemiologiche”.

Il governatore della Campania De Luca, “tra 15 giorni valuto stop mobilità Regioni” – “A fine agosto vedremo se chiedere o no al governo di ripristinare la limitazione della mobilità intraregionale. Lo decideremo tra 15 giorni con grande determinazione, salvo i casi di motivi di lavoro o di salute. Ci regoleremo anche sui contagi nel resto d’Italia”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel corso di una diretta Facebook.

Iss: nuovo aumento dei casi, mantenere precauzioni  – “Nuovo aumento dei casi, fondamentale mantenere misure di precauzione”. E’ quanto si legge nel Monitoraggio settimanale del Ministero della Salute e dell’Istituto superiore di Sanità in relazione all’andamento dei contagi da Sars-Cov2. Il periodo preso in considerazione va dal 10 al 16 agosto 2020. “Viene confermato un aumento nei nuovi casi segnalati in Italia per la terza settimana consecutiva – si legge nel report -con una incidenza cumulativa (dati flusso ISS) negli ultimi 14 giorni (periodo 03/8-16/8) di 9.65 per 100 000 abitanti, in aumento dal periodo 6/7-19/7 e simile ai livelli osservati all’inizio di giugno”. “La maggior parte dei casi è stata contratta sul territorio nazionale, mentre risulta importato da stato estero il 28,3% dei nuovi casi diagnosticati nella settimana di monitoraggio”.

E’ scesa intorno a 30 anni l’età più frequente nella quale avvengono i contagi. “In Italia, come in Europa e globalmente, si è verificata una transizione epidemiologica dell’epidemia da Sars-CoV-2 – si legge nel documento – con un forte abbassamento dell’età mediana della popolazione che contrae l’infezione. L’età mediana dei casi diagnosticati nell’ultima settimana è di 30 anni”.