Paura in mare a Stazzo: 15enne tratto in salvo dagli assistenti bagnanti

Tanta paura, ma stavolta è andata bene. Salvataggio in mare nelle acque antistanti il solarium di Stazzo. I due assistenti bagnanti dell’associazione “Corpo Volontario di Soccorso in Mare – CVSM sezione di Ispica (il presidente della sezione è Salvatore Dimartino.)” addetti al salvataggio in mare, per conto del comune di Acireale, presso il solarium di Stazzo, intorno alle 17,30 hanno effettuato un salvataggio in acqua portando a riva un giovane di anni 15 F.S. le iniziali, che non riusciva più a ritornare sulla terra ferma, in quanto colto da malore dopo aver ingerito una notevole quantità d’acqua. Compresa la drammaticità della situazione, i due volontari Marco Busà e Vittorio Marullo hanno immediatamente attivato tutte le procedure per trarlo in salvo. A tuffarsi in acqua immediatamente è stato Busà che, forte dei suoi trascorsi da nuotatore, con il mare parecchio agitato, raggiungeva in pochi secondi il ragazzo e dopo averlo immobilizzato, lo trasportava a riva aiutato dal collega Marullo che già aveva messo in acqua tutte le attrezzature necessarie per consentire a entrambi di potersi aggrappare in sicurezza. Il giovane particolarmente traumatizzato, dopo le prime attenzioni del caso, nel giro di un quarto d’ora si è rasserenato e ha voluto ringraziare i volontari del CVSM facendosi pure una foto con loro.
Alle operazioni hanno assistito i numerosi frequentatori del solarium oltre al gestore dello stesso, complimentandosi per la professionalità dimostrata.
Per la cronaca, aggiungiamo che dalle ore 14 di oggi, viste le cattive condizioni del mare, era stata issata bandiera rossa e ammoniti soprattutto i ragazzi che amano tuffarsi dagli scogli vicini al solarium; per tutti l’invito a non farsi il bagno e di evitare spavalderie in genere. Oggi dunque i volontari CVSM hanno dimostrato coraggio e temperamento, ricevendo l’encomio e il meritato ringraziamento dal loro responsabile del servizio, Alessandro Marco Gaglio.

Nella foto Vittorio Marullo (a sinsitra) in mezzo il giovane tratto in salvo e Marco Busà