Consorzi di Bonifica: 700 dipendenti (che lavorano solo 3 mesi l’anno) in fretta e furia a casa…

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa firmata da ERNESTO ABATE, segretario nazionale Sifus dei Consorzi di Bonifica

Con l’inizio di settembre si avvia la procedura di licenziamento per circa 700 dipendenti stagionali che lavorano appena 3 mesi l’anno negli 11 Consorzi di Bonifica siciliani ed entro il mese in corso non potranno essere più di supporto ai quasi 300 lavoratori stagionali rimasti in forza lavoro, ma che andranno a casa, per fine contratto, tra ottobre e dicembre.
Si tratta di classe operaia che integra la carenza delle piante organiche ridotte anche del 60% in alcuni territori, rispetto al reale fabbisogno per garantire il corretto servizio irriguo all’utenza consortile.
Disagi che aumentano di anno in anno anche con l’inesorabile erosione naturale delle reti di distribuzione. Inutili quelle misure tampone che producono la possibilità di prorogare i contratti di lavoro per una decina di giorni aggiuntivi, perché servono solo ed eclusivamente ad illudersi in qualcosa che realmente non modifica i dati oggettivi, nel dover spingere sulla riforma del settore, passando attraverso un semplice turn over.
Questo è un impegno per il quale il SIFUS, giorno 8 settembre 2020 alle ore 12 è chiamato a rappresentare e per il quale non arretrerà di un passo!
Auspichiamo che il governo regionale così come l’assessore al ramo Edy Bandiera, tengano diritto il timone dei tre punti concordati in cabina di regia siglata lo scorso 16 ottobre 2019 e che sinergicamente si proceda, indistintamente.
Intanto è prevista per venerdì 4 settembre alle ore 19:30, la videoconferenza dei dirigenti per avviare una strategia sindacale che possa tutelare i 700 lavoratori che andranno a casa.