Gravina brucia tutti sul tempo: ecco i primi banchi voluti dal ministro Azzolina e dal commissario Arcuri…

A Gravina hanno bruciato tutti sul tempo e sono arrivati i primi banchi scolastici dell’Era Covid. Quelli indicati dal ministro Lucia Azzolina e dal commissario straordinario Domenico Arcuri. Il sindaco Massimiliano Giammusso e l’assessore con delega all’Istruzione Valentina Cavallaro, hanno infatti comunicato che è iniziata la consegna programmata dei nuovi arredi scolastici, acquistati con fondi Miur, funzionali all’adeguamento degli spazi didattici alle disposizioni anti Covid. I primi 374 banchi, destinati alla scuola dell’infanzia, sono stati consegnati agli istituti Rodari-Nosengo e alla Giovanni Paolo II. In settimana è prevista la consegna di altri 300 banchi trapezoidali monoposto su ruote alla Tomasi di Lampedusa. «Grazie alla programmazione effettuata dai nostri uffici in collaborazione con gli istituti scolastici del nostro Comune siamo riusciti a soddisfare la richiesta di questi nuovi arredi – ha commentatoMassimiliano Giammusso – ancora una volta voglio sottolineare il lavoro svolto dal dottor Enzo Bontempo, responsabile del 4° Servizio, per aver curato la procedura pubblica di acquisto in tempi brevi mentre ringrazio il 5° Servizio che si occuperà dello smaltimento e della conservazione dei banchi sostituiti».

«Complessivamente sono stati acquistati 2.728 arredi – ha spiegato l’assessore Cavallaro – 500 banchi trapezoidali monoposto con ruote destinati alla Tomasi di Lampedusa, altri 692 banchi monoposto per la Rodari-Nosengo e la Giovanni Paolo II oltre quelli già consegnati per le sezioni dell’infanzia e 470 sedie distribuite per tutti e tre gli Istituti».