Un 21enne l’assassino dell’arbitro De Santis e della fidanzata Eleonora

Svolta nell’inchiesta sul duplice omicidio di Lecce di Eleonora Manta e Daniele De Santis: il presunto assassino si chiama Antonio De Marco, 21 anni, di Casarano, studente di Scienze infermieristiche all’ospedale Vito Fazzi di Lecce. Ancora sconosciuto il movente. Privilegiata la pista passionale visto che fino a ottobre il 21enne in questione è stato coinquilino di De Santis e della compagna nell’appartamento di via Montello. Particolari confermati dal procuratore di Lecce Leonardo Leone de Castris. Le indagini non hanno trascurato nulla, ha sottolineato il procuratore, né le attività di polizia giudiziaria tradizionale, né le intercettazioni telefoniche, né le immagini delle telecamere i cui fotogrammi hanno consentito di ricostruire un primo identikit dell’omicida, né l’esame dei tabulati dei cellulari e del materiale biologico prelevato dal Ris sul luogo del delitto.

L’omicida è riuscito a evitare di farsi riprendere dalle telecamere della zona (anche quelle dedicate a una colonia felina), se non per pochissimi secondi, non per colpa dei tanti alberi o dei pochi lampioni, ma perché aveva studiato il percorso e aveva anche messo in conto di finire in qualche fotogramma delle telecamere, tanto è vero che non ha trascurato di schermarsi nella maniera più semplice, con un cappuccio. 

Il percorso da fare, in realtà, lo aveva memorizzato e segnato su un foglietto di carta che poi ha strappato, e che gli investigatori hanno ricomposto con i pezzetti insanguinati di quel foglio ritrovati sul luogo del delitto.