Catania, Raffaele: “Con la Juve Stabia prevedo spettacolo. Mercato ancora aperto”

Neanche il tempo di rifiatare per il Catania che già domani si trova a dover affrontare un nuovo impegno di campionato contro la Juve Stabia al Sicula Trasporti Stadium. Le Vespe arriveranno rinvigorite dal successo in trasferta contro la Vibonese e, nonostante il tecnico Padalino l’abbia presentata come “una gara difficile tra due storiche rivali”, i gialloblù cercheranno a tutti i costi di portare a casa il risultato. In casa Catania la vittoria in trasferta contro il Monopoli ha sicuramente dato il giusto entusiasmo alla compagine etnea come ha confermato in conferenza pre gara il tecnico rossazzurro: “La squadra a Monopoli voleva quel risultato e l’ha ottenuto con determinazione. Domani arriveremo con la giusta mentalità in una partita anomala preparata in un giorno solo in cui dovremmo subito aggredire l’avversario per poterci poi dedicare serenamente a 10 giorni di lavoro. Siamo due squadre che vogliono giocare a calcio e probabilmente sarà anche una gara spettacolare.” Assenti ancora per infortunio Santurro, Pinto e Dall’Oglio mentre in porta ancora conferma per Martinez che partirà da titolare. Difesa ancora a tre con Silvestri, Claiton e Tonucci dopo l’ottima prova di domenica al Viviani che, grazie anche alle loro individualità, garantiscono tranquillità alla squadra: “Sono giocatori individualmente molto forti e non possono non giocare. Dietro possiamo dormire sonni tranquilli perché abbiamo una difesa invidiabile per questa categoria”. Visti inoltre gli impegni ravvicinati, resta da valutare la scelta degli altri interpreti in relazione alla condizione fisica. 

Ieri intanto prima della chiusura del mercato c’è stato spazio per gli ultimi colpi in entrata e in uscita ma la società lascia ancora una porta aperta agli svincolati per completare alcuni reparti: “Ci guarderemo attorno dopo il match contro la Juve Stabia per vedere se manca qualcosa a livello di caratteristiche. Serve un difensore per completare il pacchetto arretrato e resta da capire come si evolverà la questione Maldonado.” In merito invece al reparto offensivo, Raffaele non ha lasciato spazio a dubbi: “Purtroppo il non aver mai giocato prima del campionato non ha dato certezze tecnico tattiche. C’è massima fiducia negli attaccanti che abbiamo ma servirebbe anche un attaccante di profondità. Valuteremo nei prossimi giorni.”