Catania, Tonucci regala il secondo successo consecutivo. 1-0 alla Juve Stabia

Nel turno infrasettimanale, all’ ”Angelino Nobile” il Catania di Raffaele conquista il secondo successo consecutivo e batte la Juve Stabia con il risultato di 1-0. Quella giocatasi a Lentini è stata una partita combattuta sin dai primi minuti di gioco che ha riservato anche momenti di spettacolo. Raffaele schiera il Catania con il 3-4-3 con Silvestri, Tonucci e Claiton in difesa mentre prima da titolare per Emmausso al fianco di Sarao e Biondi. Dal primo minuto in campo anche Welbeck. 4-3-3 invece per Padalino che manda in campo il tridente d’attacco formato da Cernigoi, Romero e Golfo.

Nel primo quarto di gioco sono gli avversari a essere più pericolosi e a cercare la strada del gol ma saranno però i rossazzurri a passare in vantaggio. Al 25’ infatti, su punizione da fuori area di Rosaia, colpisce Silvestri ma il pallone resta all’interno dell’area di rigore e Tonucci di tacco mette in rete. Non esulta il giocatore rossazzurro grande ex di questa partita. Ma la Juve Stabia non si lascia abbattere dal risultato, anzi sembra il Catania ad aver abbassato l’attenzione. Al 35’ Mastalli è autore di un gran tiro che rimbalza su Martinez e costringe Silvestri a intervenire e a spazzare sul fondo. Un minuto dopo è ancora pericolo per i rossazzurri su errore di Albertini che si lascia superare da Cernigoi che ne approfitta e crossa all’interno dell’area di rigore dove non trova nessun compagno a sostegno. Solo 3 minuti dopo ed è ancora la Juve Stabia a cercare la rete del pari con un’azione in due tempi ma l’arbitro Marini ferma tutto per fuorigioco. Al 41’ c’è l’azione che avrebbe potuto svoltare il match. Ancora una volta protagonista è Tonucci che, su punizione di Rosaia, calcia una conclusione che colpisce la traversa e che, secondo l’assistente Valeri, rimbalza sulla linea di porta. In realtà il pallone oltrepassava ampiamente la linea ed era dunque gol per il Catania non assegnato dalla terna arbitrale. Termina così il primo tempo con i rossazzurri in vantaggio.

Nella ripresa, stesso copione della prima frazione di gioco. Al 56’ i rossazzurri ci provano con Emmausso ma Tomei blocca facilmente. Intanto quasi alla mezz’ora Raffaele manda in campo Reginaldo per Emmausso e Izco per Biondi e sarà proprio il numero 10 ad essere protagonista in più occasioni, la prima al 76’ quando, solo davanti a Tomei, ci prova di esterno ma il pallone termina alto. Match senza esclusione di colpi per entrambe le compagini che si allungano e, passata la mezz’ora, approfittano delle ripartenze. All’82’ è Martinez a salvare in 2 tempi la porta del Catania ma si ripeterà qualche minuto più tardi. Intanto esce Welbeck per Vicente e Sarao per Pecorino e proprio quest’ultimo sarà protagonista dell’azione che avrebbe potuto chiudere la partita: il giocatore, lanciato da Reginaldo, sorprende la difesa gialloblu e tutto solo si invola verso la porta ma viene ipnotizzato da Tomei. Grande occasione per gli etnei sprecata dal numero 31 rossazzurro. Nel corso dei 4’ di recupero sarà decisivo il prodigioso intervento di Martinez che su un tiro a botta sicura di Mastalli salva la porta e il risultato.

La partita si conclude sul punteggio di 1-0 al termine di un’ottima prova da parte degli uomini di Raffaele che conquistano tre punti pesanti e che adesso potranno dedicarsi con più serenità a 10 giorni di lavoro prima del prossimo impegno di campionato fissato per il 18 ottobre sul campo della Virtus Francavilla.