Sais, sciopero venerdì 9 dei lavoratori aderenti alla Faisa Cisal. Ecco i 4 motivi

L’organizzazione sindacale FAISA CISAL dopo la prima battuta di sciopero dichiarato per il 14 settembre scorso, oggi si è trovata obbligata ad indire uno sciopero di 24 ore nella storica azienda Ennese che gestisce il trasporto pubblico urbano e suburbano della città e collega le principali città dell’isola. Le corse interessate sono CATANIA – MESSINA, CATANIA – PALERMO, CATANIA – ENNA MESSINA – PALERMO, urbano ENNA CITTÀ E PROVINCIA ENNA.

Ecco i 4 motivi che portano la R.S.A, la segreteria provinciale di Enna e il coordinamento regionale della Faisa Cisal a proclamare lo sciopero sono:

  • l’anticipazione della cassa integrazione, che ad oggi il pagamento e fermo a maggio mettendo così in grave crisi economiche tutto il personale,
  • l’integrazione salariale in quanto tutto il personale a perso oltre il 50% del proprio stipendio, e in base alle parole dell’assessore ai Trasporti Dott. Marco Falcone “i lavoratori non avrebbero perso un centesimo” in quanto la stessa Regione aveva garantito i contributi regionali anche in periodo di chiusura totale.
  • la mancanza di sicurezza IGIENICO SANITARIA sui mezzi di trasporto, in quanto i vari dpcm che si sono susseguiti nei mesi scorsi parlavano di “paratie divisorie” atte a separare il posto guida dal vano passeggeri, ecc… ecc…
  • il parziale pagamento delle indennità previste dal CCNL di categoria sui trasferimenti.
    Purtroppo ad oggi, dichiara la Faisa Cisal, non è stata trovato nessun appianamento dei problemi sopra esposti anzi, la circostanza è peggiorata. Infatti la “storica azienda” non avendo la benché minima idea delle “relazioni industriali” adotta azioni “unilaterali” e a dispetto alle normative contrattuali vigenti “Brevetta” i cosiddetti trasferimenti temporanei, distorce l’applicazione del CCNL di categoria vedi Art. 27.
    La Faisa Cisal Resta sempre disponibile ad un confronto risolutivo, al fine di creare meno disagi possibili all’utenza.

Il documento chiude cosi: “LOTTIAMO COMPATTI AFFINCHÉ LA DIREZIONE DELLA SAIS AUTOLINEE GARANTISCE AI LAVORATORI “DIGNITÀ E DIRITTI DEI LAVORATORI”. ALLO SCIOPERO POSSONO ADERIRE TUTTI I LAVORATORI ISCRITTI E NON ALLA FAISA CISAL”.