Acireale, bottino pieno per i granata e primo posto in solitaria

L’Acireale non lascia neanche le briciole e allo stadio Aci e Galatea batte il Città di S. Agata 1-0 nella terza giornata di Serie D. Decide la vittoria dei granata capitan Savanarola, che al 51’ la mette dentro con una girata all’altezza del dischetto, davvero un gran bel gol. Gara non facile, ma la formazione di Peppe Pagana resta padrona del campo per tutti i 90 minuti, conquistando tre preziosissimi punti che le garantiscono il primato in classifica a quota 7.

Pagana schiera i suoi uomini, in divisa interamente granata, con il 3-4-3. Pasquale Ferrara risponde con un 4-3-3. I santagatesi fanno ingresso in campo in maglia azzurra e bianca e pantaloncini azzurri. Il match si gioca a porte chiuse, ma fuori dallo stadio sono circa 200 i tifosi accorsi per sostenere la squadra di casa. Dirige la gara il signor Marco Machioni della sezione di Rieti, coadiuvato dagli assistenti Mirko Librale di Roma2 e Niroy Gookooluk di Civitavecchia.

L’Acireale cerca di farsi strada fin dai primi minuti di gioco, ma i biancazzurri coprono tutti gli spazi. Le squadre si studiano, la gara diventa spigolosa. Nel giro di pochissimi secondi l’arbitro estrae diversi cartellini gialli verso i giocatori di entrambe le formazioni. All’11’ Ott Vale disturba l’estremo difensore avversario, tirando un pallone che sfiora il palo sinistro. Ancora Ott Vale al 23’, che imbastisce un’azione pericolosissima: lancio in area per Savanarola, ma lo anticipa un difensore avversario, che per poco non commette autogol. Continuano a pressare i padroni di casa nel tentativo di trovare il vantaggio. Al 28’ il biancazzurro e già ammonito Strumbo commette fallo ai danni di Sparacello: gamba tesa che colpisce il volto del giocatore. Il direttore di gara non ha dubbi: secondo giallo per il difensore, che lascia i suoi in dieci. Adesso l’Acireale ci crede ancora di più. Quasi allo scadere Savanarola tira fortissimo verso lo specchio della porta ma la sfera esce di pochissimo fuori. I padroni di casa tentano le ultime folate offensive, ma la prima frazione si chiude 0-0. Inizia la ripresa e il discorso motivazionale di Pagana, fatto ai suoi nell’intervallo, ha effetto immediato. Al 51’ Savanarola, servito da Bianco, con una girata all’altezza del dischetto mette ko Ferrara. E’ 1-0 all’Aci e Galatea. Gli spalti sono vuoti ma le grida di festa dei tifosi fuori dallo stadio sono nitidissime. Ferrara effettua qualche sostituzione per riequilibrare le sorti del gioco e portarsi disperatamente in avanti, ma la retroguardia granata è impenetrabile. L’Acireale mantiene il possesso palla e resta padrone del campo. Impossibile per il Città di S. Agata trovare sbocchi per agguantare il pareggio. Al 44’ Ott Vale indirizza un assist verso La Vardera che prova a chiudere il match, ma la sfera sfiora il palo sinistro. Pericolo scampato per gli ospiti, che provano l’impresa sul finale. Ma non c’è più tempo. Machioni fischia la fine del match decretando la vittoria dell’Acireale.

Tre punti importantissimi, che lanciano la squadra di Pagana al primo posto in classifica in solitaria. E’ ancora presto per parlarne, ma la squadra sembra avere tutte le carte in regola per il salto di categoria. Sarà certamente una settimana positiva, ma l’attenzione è già rivolta al match di domenica prossima in casa dell’Acr Messina…