Salastampa, l’avv. Munzone ci crede: “La penalità del Catania? Buone possibilità di annullarla…”

Puntata ricca di spunti (la terza stagionale) di SalaStampa, la domenica sportiva siciliana, storica trasmissione condotta da Umberto Teghini, ogni domenica alle 20.30 su Prima Tv (canali 87 e 666 del digitale terreste) e in diretta streaming sulle pagine Facebook di SalaStampa, Sicra Press e Prima Tv, per la scrittura di regia di Lucy Gullotta e i servizi giornalistici curati dalla redazione di SicraPress.

In apertura spazio alla cronaca che in qualche modo si è legata allo sport, con l’incidente mortale nell’Agrigentino che è costato la vita a Totò Coniglio, copilota di Vito Parisi, durante il Rally Valle del Sosio (servizio firmato da Laura Pellegrino).

Argomento Catania. In studio l’avvocato Carmelo Munzone, responsabile dell’area legale del Calcio Catania, che ha analizzato tecnicamente i pretesti del ricorso presentato a discapito dei 4 punti di penalizzazione, in virtù dei due comunicati speciali Covid-19. Il primo tra questi prevedeva il 15 luglio come scadenza per gli adempimenti mancanti, il secondo invece prolungato al 5 agosto, data presa in considerazione dalla società. Ci sono quindi i presupposti per essere ottimisti, se non per l’annullamento della penalizzazione, quantomeno per essere dimezzata.

E in questo contesto, i tifosi del Catania sembrano essere per il momento soddisfatti della nuova società (colorito ed efficace il sondaggio di Sandro Gaglio), anche perchè i risultati in campo stanno giocando a favore della SIGI. Il punto tecnico è stato sottolineato da un servizio di Alessia Lo Monaco (evidenziato il buon lavoro del tecnico Raffaele), che ha dato lo spunto agli ospiti in studio di argomentare sulle ottime scelte di Maurizio Pellegrino in sede di calciomercato. Il prof. Giuseppe Massimino Cocuzza, in qualità di opinionista, ha confermato invece le sue perplessità “imprenditoriali” sull’operazione salvataggio operata dalla Sigi; il prof. ha confermato che sarebbe stato meglio economicamente ripartire dalla serie D, privi di debiti, una tesi quest’ultima che ha scatenato una serie di interventi sui social proprio “contro” il prof. In tema di numeri, ad oggi, ha ammesso l’avvocato Munzone, i soci della Sigi hanno già sborsato 4 milioni.

In collegamento da Roma, il segretario generale della Fidal, Fabio Pagliara, ha svelato quali sono stati i punti di disaccordo con la SIGI: in primo luogo la semplificazione dei ruoli amministrativi all’interno della società al punto da non ritenere possibile – al momento – un suo rientro all’interno del progetto. Un ripensamento? In questa fase ci sono altre priorità. E poi la politica manageriale (con in testa la card 11700) che secondo Pagliara andava indirizzata diversamente, senza voler accendere polemiche.

Calcio giocato. Stupore (ma forse non troppo…) a Palermo dove i rosanero hanno perso clamorosamente in casa contro l’Avellino con un netto 0-2 ,al punto che si mette in discussione la posizione di mister Roberto Boscaglia. La favorita per il prof. Massimino Cocuzza? Nessun dubbio. il Bari.

La seconda parte di SalaStampa è stat animata da Giuseppe Fasone, direttore generale dell’Acireale Calcio, e da Ciro Femiano, acese d’adozione, ex centravanti granata (tre stagioni con la maglia numero 9 dell’Acireale). E’ stato sottolineato l’aspetto economico della società granata, finalmente solido: motivo di orgoglio per il direttore che rimembra i quattro anni precedenti, fatti di sacrifici. ringraziato anche l’operato del diesse Agatino Chiavaro e del tecnico Peppe Pagana. E i tifosi? Una ferita aperta secondo Fasone (nella foto nello studio di Salastampa) non poterli ospitare, non poterli accogliere allo stadio (omolgato per 4.800 posti) per l’emergenza Covid (nemmeno coloro che ad agosto hanno sottoscritto l’abbonamento, quando da Roma si confermò che in Serie D avrebbero potuto assistere alle gare fino a mille persone…). Certo è che la situazione del Covid-19 ha messo in ginocchio tutto il sistema dilettantistico e molte società (soprattutto nelle serie inferiori) rischiano di chiudere bottega.

Dettagliato il servizio partita di Ivana Zappalà sull’Acireale capolista (1-0 sul Città di S. Agata), con l’esaltazione del gran gol di Savanarola per la gioia di circa 200 tifosi che hanno seguito la partita dall’esterno dello stadio Aci e Galatea. Ciro Femiano, dall’alto della sua esperienza, ha pronosticato favorita la squadra di Peppe Pagana: le rivali? Le due squadre di Messina, il Castrovillari e una squadra che verrà fuori a sorpresa. Femiano ha pure ricordato che un ragazzino nato nel 2006 (Finocchiaro, mezza punta) della scuola calcio “Stella Nascente” è stato ingaggiato dalla Juventus grazie alla segnalzione di Alfredo Femiano, che da 5 anni fa l’osservatore per il prestigioso club bianconero. In chiusura spazio ai due gironi dell’Eccellenza che vedono come protagonisti delle rispettive classifiche l’Akragas e il Canicattì per il girone A con 12 punti e il Giarre per il girone B, anch’esso con 12 punti, a punteggio pieno. Infine è palese l soddisfazione a SicraPress anche per i partner che con entusiasmo sostengono Salastampa: Boncaffè, Caffè & Dolcezze, Fiorelleria Mirabella, Maurizio il Pescatore e Parco Villa del Grado.

Annapia Panassidi