Estortori in trappola: i complimenti di Conte ai commercianti coraggiosi…

Si affida ad un post su Facebook il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte per far risaltare maggiormente il gesto compiuto da diversi commercianti che si sono opposti al “pizzo” scrivendo “Non vedo l’ora di volare a Palermo per incontrarli e ringraziarli uno ad uno. Con loro l’Italia alza la testa“.

A Palermo alcuni commercianti del quartiere Borgo Vecchio dopo tanti anni di silenzio hanno combattuto la paura per le estorsioni e la violenza mafiosa con il coraggio della denuncia dei loro presunti taglieggiatori.

Con gli arresti dei carabinieri coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, si sollecitano nuove coscienze e le necessarie leve per rendere matura la convinzione che un altra Palermo è possibile.

Il messaggio del premier segue l’altro gesto eclatante che sancisce “lo stato c’è è vi ringrazia” dal profondo valore simbolico fatto dal generale Arturo Guarino. Il comandante provinciale dei carabinieri di Palermo si è fisicamente tolto il cappello per ringraziare chi si è fidato dell’Arma e ha denunciato gli uomini del racket.

Gli indagati sono accusati a vario titolo di associazione mafiosa, associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga, ai furti e alla ricettazione, tentato omicidio aggravato, estorsioni e danneggiamenti.
Ecco l’elenco dei fermati nel corso dell’operazione al Borgo Vecchio a Palermo: Angelo Monti, 54 anni, Jari Massimiliano Ingarao, 26 anni, Girolamo Monti, 45 anni, Giuseppe Gambino, 56 anni, Domenico Canfarotta, 42 anni, Pietro Cusimano, 58 anni, Danilo Ingarao, 25 anni, Gabriele Ingarao, 33 anni, Marcello D’India, 65 anni, Giovanni Zimmardi, 46 anni, Vincenzo Vullo, 46 anni, Alondi Paolo, 19 anni, Giacomo Marco Bologna, 29 anni, Antonino Fortunato, 20 anni, Filippo Leto, 48 anni, Matteo Lo Monaco, 30 anni, Giuseppe Lo Vetere, 21 anni, Ignazio Sirchia, 49 anni, Giovanni Bronzino, 66 anni, Salvatore Guarino 71 anni, nato a Forbach in Francia e residente a Palermo.

Credit video youtube