De Luca chiede le dimissioni di Razza e le scuse di Musumeci ai siciliani e su Speranza….

Cateno De Luca, sindaco di Messina tuona contro Musumeci e Razza. E non risparmia il ministro Speranza. Sui social ha espresso il suo pensiero sulla classificazione a zona arancione della Sicilia, chiedendo le dimisisoni dell’assessore alla Salute Razza.

L’andamento della curva epidemiologica ci pone al tredicesimo posto, cioè il virus in Sicilia circola molto di meno rispetto a dodici regioni come ad esempio il Lazio la Campania e la Liguria (inserite invece nella zona gialla). Ovviamente questa è la conferma che il sistema sanitario siciliano è strutturalmente al collasso perché in questi sei mesi poco o nulla si è fatto per incrementare i posti letto nei reparti Covid e nella terapia intensiva, nonostante i soldi messi a disposizione dal governo Conte. Avevo già lanciato l’allarme una settimana fa: ci hanno risposto con chiacchiere, proclami e scaricabarile. Purtroppo, da venerdì migliaia di imprenditori non potranno alzare la saracinesca!”.

CHIEDO UFFICIALMENTE LE IMMEDIATE DIMISSIONI DELL’ASSESSORE REGIONALE ALLA SANITÀ RUGGERO RAZZA E LE SCUSE IMMEDIATE AI SICILIANI DA PARTE DELL’INCONCLUDENTE PRESIDENTE NELLO MUSUMECI...”.

Lo stesso De Luca ha poi scritto qualche minuto fa: “ Il buon Ruggero Razza ha pubblicato poco fa un post per farvi rendere conto nella mani di chi siamo. Razza dice che sta verificando i parametri usati dal ministero della Sanità per inserire la Sicilia in zona arancione perché sempre Razza sostiene che in Sicilia il sistema sanitario va benissimo e rispetta i parametri concordati con il ministero della sanità. A parte il fatto che i 21 parametri sono noti da maggio, Razza pensava davvero che potevamo aspettare fino al 30 novembre per metterci nelle condizioni di fronteggiare il rischio? Pensava che fosse più importante questa estate occuparsi della fiera dei cavalli, del giro d’Italia e dei finanziamenti a Dolce e Gabbana? Non sa il ‘meravigliato’ assessore che l’ISS ha previsto una escalation del contagio in Sicilia nei prossimi 10 giorni? Non sa il povero Razza che tra i parametri considerati c’è anche la gestione dei Pronto Soccorso, delle RSA, dei tamponi, del tracciamento dei contagi? Arrivati a questo punto due sono le cose: o mente Razza o mentono tutti gli altri, a cominciare da Speranza! Non accetto però questo teatrino sulla pelle dei siciliani e soprattutto non accetto che certe visioni fascistoide portino a bollare come farneticanti le posizioni come la mia che pretende chiarezza. Ieri, non oggi.Intanto gli ospedali siciliani cominciano ad annaspare: questa la foto di ieri sera della lunga fila di Autoambulanze in attesa di poter lasciare i pazienti all’ospedale di PARTINICO. Ci sono stati tre giorni di trattative per verificare la rispondenza ai parametri della Sicilia: Ruggero Razza dov’era ?Stavolta non consentirò che la vicenda non venga chiarita! Ribadisco: chi ha sbagliato, anche solo ritardando interventi che andavano fatti ieri e non tra 15 giorni, deve assumersi le proprie responsabilità ed andare a casa. Se poi Razza riesce a dimostrare che c è stato un complotto nazionale contro la Sicilia, allora dovrà dimettersi Speranza, ministro della Sanità…”.