Crollo di via Castromarino: non risarciti gli sfollati

I signori CASELLA Claudio, CALARESO Pietro Giovanni, MAMMANA Antonino, CERTO Maria, CATANIA Francesca, ZAPPALA’ Emanuele Dario e ZAPPALA’ Rosario, sono alcuni degli abitanti coinvolti nella vicenda del crollo di via Castromarino, che ancora oggi – sono trascorsi oltre due anni e sei mesi – non possono accedere alle loro abitazioni.

Famiglie totalmente abbandonate

Gli sfollati per quanto hanno subito, e continuano a subire, non sono stati neppure risarciti dalla C.M.C., che invece ha provveduto ad indennizzare la restante parte dei proprietari degli immobili coinvolti nel crollo. Dopo due anni e sei mesi gli sfollati, che non hanno avuto aiuto neanche da parte del comune di Catania, sono stati costretti a rivolgersi, tramite il proprio legale di fiducia, avv. Giuseppe Lipera, a diverse Autorità al fine di trovare Giustizia all’enorme danno subito. Gli abitanti di Via Castromarino e di via Plebiscito n. 831 e n. 825 hanno chiesto l’avocazione delle indagini al Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Catania, e per competenza chiesto di intervenire anche al Procuratore Generale presso la Suprema Corte di Cassazione, al fine di accertare le responsabilità della C.M.C., che risultano consacrate dalla circostanza che questa ha risarcito gli altri sfollati. La richiesta è stata indirizzata anche al Sindaco di Catania, agli avvocati della C.M.C., nonché al G.I.P. Luigi Barone, che in data 20/12/2022 stabilirà se accogliere l’opposizione alla richiesta di archiviazione presentata dal P.M. dott. Andrea Norzi, in modo da sensibilizzare e rappresentare che ancora oggi ci sono delle famiglie in mezzo alla strada che sono state totalmente dimenticate e a cui spetta di ottenere Gustizia, ma soprattutto un risarcimento per quanto tragicamente accaduto.