“Miccichè ha bruciato il nome di Stancanelli, vuole la Monterosso alla presidenza”

Cateno De Luca va a ruota libera, sena peli sulla lingu: “Miccichè ha bruciato anche Raffaele Stancanelli e sta andando avanti col suo vero disegno: Patrizia Monterosso, direttrice della Fondazione Federico II, presidente della Regione. Insomma, la banda bassotti si sta scannando: è una faida. Miccichè voleva fare il presidente del Parlamento siciliano ma questo poteva essere possibile se la presidenza della Regione non venisse assegnata a Forza Italia e se il presidente non fosse stato palermitano. Questo dice il manuale Cencelli della cupola…”.

Lo dice il candidato alla presidenza della Regione siciliana, Cateno De Luca, ex sindaco di Messina e leader del movimento Sicilia Vera, in un video su Facebook.”Ora Miccichè – aggiunge – ha cambiato strategia non vuole fare più il presidente del Parlamento siciliano vuole fare l’assessore ai Beni culturali. Si è fissato con questa cosa perchè tutta l’esperienza con la Monterosso, con la fondazione Federico II, l’ha portato a innamorarsi della cultura. Il quadro è il seguente: Musumeci fuori, Patrizia Monterosso presidente e se io entro in questo gioco, mi fanno fare il presidente dell’Assemblea regionale siciliana oppure il vicepresidente della Regione. Questo è lo scacchiere su cui mi hanno invitato a fare una riunione domani. Io aggiungo e dico a Miccichè: “Basta, ci hai stancati con questo teatrino squallido…”.