Nuovo Catania ok, ma adesso lo stadio?

Presso la sala conferenze del President Park Hotel di Aci Castello, il Catania SSD ha annunciato il nuovo organigramma societario. Presenti il presidente Ross Pelligra e il vice presidente e amministratore delegato Vince Grella.

Le nuove cariche dirigenziali 

Una conferenza stampa lunga quasi un’ora e mezza, la prima del Catania SSD che ha visto al tavolo il presidente Ross Pelligra insieme al vicepresidente Vincenzo Grella, l’advisor Dante Scibilia, l’assessore allo Sport Sergio Parisi e il direttore generale Luca Carra. Una giornata che ha dato il via al nuovo Catania durante la quale sono stati resi noti i nomi che compongono l’organigramma dirigenziale e societario del Catania targato Pelligra. Questi i nomi e gli incarichi: Direttore generale: Luca Carra Direttore sportivo: Antonello Laneri Segretario sportivo: Emanuele Passanisi Responsabile della comunicazione: Angelo Scaltriti Responsabile amministrativo: Carmelo Milazzo Responsabile settore giovanile: Orazio Russo.

“Campagna abbonamenti fondamentale, sul tecnico…”

Tante le tematiche trattate nel corso della conferenza stampa tenutasi nella sala conferenze del President Park Hotel di Aci Castello, dalla sede del ritiro e degli allenamenti per il nuovo Catania, al futuro di Torre del Grifo. Parole chiare, precise e grandi idee alla base sicuramente di un progetto solido che avrà come obiettivo riportare il Catania in alto. Ma il nuovo Catania partirà con un handicap che riguarda proprio lo stadio Angelo Massimino. Come ricordato proprio nel corso della conferenza dall’assessore allo Sport Parisi, durante il campionato, lo stadio sarà coinvolto nel progetto di restyling che, di conseguenza, limiterà anche la capienza del pubblico del Massimino a causa del rifacimento di alcuni settori. Carra, direttore generale, è stato chiaro: “La campagna abbonamenti è forse una tra le cose più importanti su cui puntare. L’obiettivo è avere tutta la città per partecipare insieme a noi a questa rinascita. Vorremo lo stadio pieno ogni domenica”. Ma poter disporre il Massimino con la sua massima capienza non sarà possibile fino alla conclusione dei lavori (peraltro deve essere ancora assegnata la gara d’appalto). Dunque, la campagna abbonamenti non potrà avere inizio fin quando non si avrà contezza della capienza effettiva dello stadio e comunque sarà limitata sotto il profilo della disponibilità dei posti. Infine ancora l’incognita sul nome del tecnico. Grella non ha fatto trapelare nulla ma ha dichiarato quanto sia importante la scelta e proprio per questo i dirigenti stanno ancora valutando 3 profili. Discorso analogo anche per i futuri tesserati: in tanti si sono proposti, altri sono stati valutati ma, fin quando non ci sarà l’iscrizione, non potrà esserci nulla di ufficiale. Così come vuole la linea del presidente Ross Pelligra. Intanto è stata ipotizzata la data dell’inizio del ritiro: martedì 2 agosto, non troppo lontano dalla città.

Alessia Lo Monaco

Studia Filologia Moderna all’Università di Catania. Calma e determinata, ama approfondire ogni argomento e trattarlo sempre con accuratezza. Segue il calcio sin da bambina con grande passione, tanto da volerlo vivere a 360 gradi e seguirlo per professione.