Presidio davanti alla Lukoil: “Alzate i salari, abbassate le armi”

PRESIDIO DAVANTI ALLA LUKOIL DI PRIOLO E ALLA PREFETTURA DI SIRACUSA: “ALZATE I SALARI-ABBASSATE LE ARMI”

Federazione Del Sociale USB Catania

Ieri, in occasione dello SCIOPERO GENERALE CONTRO LA GUERRA indetto dal sindacalismo di base e conflittuale, a Priolo (Siracusa), in mattinata presidio e volantinaggio davanti allo stabilimento petrolchimico LUKOIL, multinazionale con maggioranza a capitale russo, che a causa dell’embargo  rischia seriamente di chiudere colpendo l’occupazione di oltre 10 mila famiglie di lavoratrici e lavoratori.
Nel pomeriggio, invece, il presidio si è trasferito a Siracusa, davanti alla Prefettura per continuare a chiedere “ALZATE I SALARI-ABBASSATE LE ARMI!”.
La Federazione Del Sociale USB di Catania, aderente alla rete CATANIA NOWAR, ha partecipato all’iniziativa – promossa da Cobas Siracusa, PCI Siracusa, Sportello Borgata Sociale, Siracusa Ribelle e PRC Siracusa – che ha registrato la partecipazione (peraltro nutrita) di altre realtà politiche e sociali non aretusee.