3 Giugno 2022
Sabato e domenica di fuoco: previsti fra i 37 e i 40 gradi

Arriva Scipione l’Africano. L’Italia centro-meridionale è infatti alle prese con la seconda ondata  di caldo africano, ben più intensa rispetto ai segnali di maggio. Nel weekend appena cominciato, sabato 4 e domenica 5 giugno, rispetto alle medie climatiche che caratterizzano questa prima decade, alcune località registreranno anche 10-12 gradi in più. In Italia, nelle aree interne di pianura e di valle si supereranno i 35 gradi ma con picchi  intorno ai 40 in quelle di Sardegna e Sicilia. Temperature oltre la norma anche al Nord ma con valori decisamente più contenuti: in generale intorno ai 30 gradi con picchi vicini ai 35 solo in Emilia Romagna.

La giornata più calda sarà quella di domenica 5 giugno con Scipione che renderà roventi alcune città, con la colonnina di mercurio che toccherà quote fra  39 e i 40°C a Siracusa, Catania e Agrigento, fino a 42°C nelle zone interne dell’Ennese (Catenanuova). Previsti invece 38°C in Puglia e Sardegna, fino a 35/36°C in Calabria, Campania (sul casertano).

Le regioni settentrionali, ai margini dell’anticiclone, sono infatti interessate da un flusso di aria più umida e meno calda che sarà responsabile di un tempo a tratti instabile. Dopo il passaggio venerdì della prima perturbazione di giugno, seguirà un sabato stabile e una domenica in cui è atteso il passaggio della perturbazione n. 2 del mese con rischio di rovesci e temporali su aree alpine e pianure con fenomeni localmente intensi. Il caldo anomalo si attenuerà al Centro-Sud già ad inizio settimana con l’arrivo di aria più fresca e secca sospinta da venti  localmente moderati di Maestrale. La tendenza successiva resta ancora un po’ incerta ma è probabile che martedì una perturbazione temporalesca possa raggiungere il Nord.